menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Allarme profughi, anche gli albergatori si rifiutano di ospitarli

Le strutture turistiche non accettano di accogliere i migranti: "Fondi insufficenti e organizzazione assente, così non possiamo fare nulla"

Profughi e rifugiati negli alberghi privati, un'idea che, se già aveva fatto discutere quando il prefetto Domenico Cuttaia l'aveva proposta per risolvere l'emergenza sbarchi, ora rischia di diventare vero e proprio terreno di scontro. Come riporta il Gazzettino, infatti, nessuna struttura ricettiva ha accettato di accogliere i migranti e, anzi, da Federalberghi e dall'Associazione Veneziana Albergatori si alzano voci critiche che puntano il dito contro il governo.

POCHI SOLDI, POCO SUPPORTO – Le associazioni lo dicono chiaro e tondo: i fondi stanziati sono insufficienti e l'organizzazione latita, a queste condizioni fornire aiuto è impossibile. Nessuno intende sbattere la porta in faccia alla sofferenza umana, specificano i presidenti delle categorie, ma a queste condizioni si corrono solamente rischi: nessuno sa ancora quanti profughi dovrebbero arrivare, né se si tratta di persone sole o di intere famiglie; manca ogni tipo di supporto psicologico o mediazione culturale, rendendo di fatto impossibile fornire sostegno a chi arriva da guerre e bombardamenti e magari non parla neppure una sillaba in una lingua che non sia la propria; non esiste nessuna forma di controllo o sicurezza, per evitare che dopo una notte queste persone si diano alla macchia, trasformandosi da rifugiati a clandestini. Anche le cifre messe a disposizione sono, secondo le associazioni, assolutamente irrisorie: 35 euro a persona, di cui cinque vanno consegnati al profugo per le sue necessità personali, i restanti 30 invece dovrebbero coprire vitto, alloggio e vestiti, tutto fornito dagli albergatori. Ora, dopo il rifiuto delle strutture ricettive turistiche, torna a galla l'ipotesi di sfruttare le caserme dismesse, già lanciata nei giorni scorsi proprio dall'Associazione Veneziana Albergatori e Federalberghi: le stanze ci sono, le cucine pure, basta solo la verifica del governo. Peccato solo che anche questa proposta sia stata fortemente ostacolata dai sindaci delle cittadine coinvolte.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Attualità

I volontari si prendono cura del forte Tron

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento