menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza profughi, dietrofront in prefettura: scartate le tendopoli

I rigori invernali non permetterebbero questa soluzione. Lo si è deciso in una riunione operativa giovedì sera a Ca' Corner. Il tempo sta scadendo

Si allontana l'ipotesi tendopoli per ospitare i migranti che raggiungeranno il nostro territorio nelle prossime settimane. Il freddo pungente che caratterizza questa stagione, infatti, ha reso impraticabile questa opzione: mettere a punto delle aree attrezzate in luoghi idonei per riuscire a gestire l'emergenza arrivi. Giovedì sera, infatti, si è svolta una riunione operativa in Prefettura, presenti rappresentanti della protezione civile, dell'Ulss e dell'esercito. Oltre che del Comune di Venezia, di Mira e della Regione.

C'era da capire se quella strada fosse percorribile, ma si è tornati subito al punto di partenza. Il tempo però sta per scadere, visto che il trasferimento di ulteriori migranti è imminente. Ma i sindaci veneziani hanno già dichiarato che non c'è più posto, mentre i privati non si sono fatti più vivi. L'appello del prefetto infatti era rivolto anche agli albergatori, che sarebbero dovuti essere attirati da quei 30 euro a notte che lo Stato avrebbe pagato in caso di pernottamento per ogni profugo. Niente di tutto ciò. Quindi di emergenza in emergenza, al termine del faccia a faccia, si è indicata l'unica altra via percorribile.

Ossia posizionare brande o comunque posti letto ("effetti letterecci" li chiama la prefettura) da collocare in ambienti coperti. Il problema è che sono ancora da individuare. Lì, in queste aree idonee, sarà prestata la prima assistenza e verranno consegnati i primi "generi di conforto". Ora, però, la partita si sposta su un'altra casella: dove individuare queste strutture? Bisognerà necessariamente farlo in pochi giorni. Forse qualche settimana.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento