menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Equitalia chiude? Non cambierà nulla. Servono misure efficaci di lotta all'evasione"

Secondo Cgil, Cisl e Uil non è con la chiusura dell'ente che si aiuteranno i cittadini. "I lavoratori di Equitalia sono gli unici alleati dei cittadini. Che ne sarà del loro futuro?"

"Equitalia potrà anche cambiare nome e inquadramento nella pubblica amministrazione, ma continuerà ad operare quale indispensabile soggetto che riscuote tasse e imposte non pagate. Quindi nella realtà non si chiude niente". È la convinzione della rappresentanza sindacale unitaria di Equitalia Venezia (FIRST/CISL FISAC/CGIL UILCA/UIL), secondo cui "gli interessi di mora e le sanzioni non sono frutto della filosofia di Equitalia, ma sono sabilite da leggi dello Stato e da questo incamerate".

"Ci auguriamo - precisano - che il sistema di riscossione sia finalmente riformato nel rispetto delle esigenze dei contribuenti, ma nel contempo sia dotato di procedure efficaci per assicurare che le imposte siano tempestivamente riscosse, svolgendo così il proprio ruolo essenziale nella lotta all’evasione fiscale a servizio della collettività. Che siano poi le stesse Istituzioni ad attaccare Equitalia, nel Paese con il più alto tasso di evasione fiscale d'Europa, è vergognoso".

I lavoratori del Gruppo Equitalia vogliono dire la loro "perché sono gli unici alleati dei cittadini". "Con professionalità aiutano gli utenti nei momenti di difficoltà considerando che la classe politica, che approva quelle leggi contro cui oggi recita proclami, non è in grado o non vuole intervenire. Negli anni si sono sobbarcati un lavoro ingrato, oggi quasi criminalizzato. Ora chiedono chiarezza sul loro futuro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento