Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

"Equitalia istiga al suicidio". Un miranese presenta un esposto

Un 48enne residente a Vetrego, sommerso dalle cartelle esattoriali per non aver pagato tasse e bollette nel 2010, si è presentato dai carabinieri

“Equitalia istiga al suicidio”. E’ con questa forte premessa che lunedì mattina un cittadino di Mirano si è presentato alla stazione locale dei carabinieri per presentare un esposto contro l’agenzia che si occupa della riscossione tributi. Il motivo? “Laddove il contribuente moroso, depredato di ogni suo avere e della propria dignità, abbia scelto di farla finita con l’estremo gesto del suicidio a causa della persecuzione fiscale – si legge nell’esposto - si può ravvisare una violazione dell’articolo 580”. L’articolo 580 del codice penale è proprio quello che fa riferimento ad Istigazione o aiuto al suicidio. Come riporta Il Gazzettino, un 48enne residente a Vetrego ha deciso di presentare questo esposto dopo essersi trovato sommerso di cartelle esattoriali da 100 a 350 euro.

Per gravi problemi economici, dal 2010 l’uomo ha iniziato ad avere molta difficoltà nel pagare regolarmente tasse e bollette. E così si è trovato presto stritolato tra more e ingiunzioni di pagamento. Le ultime cartelle esattoriali sono arrivate nella sua casa di Vetrego nei giorni scorsi, e sono relative a dei mancati pagamenti di bollo auto e tassa sui rifiuti del 2010. Negli ultimi anni il miranese si è trovato a che fare con due gravi patologie, ai denti e ad entrambe le gambe, e per pagarsi le cure non è riuscito a pagare pure tutto il resto. Il suo stipendio da operatore museale è di 700 euro al mese, ma oltre 300 se ne vanno per il mutuo.

 “Chiedo di procedere nei confronti delle cariche apicali di Equitalia – si legge nell’esposto – per aver imposto coattivamente al contribuente di pagare oltre il dovuto gli interessi, le spese, le sanzioni e le spese di procedura in termini così esorbitanti da decretare la morte sociale, civile e economica del cittadino moroso”. Poi allarga il discorso: “Accertata la responsabilità, si chiede anche di procedere nei confronti di membri dei governi, deputati e senatori che nonostante la crisi economica e le sue drammatiche conseguenze, hanno inflitto a milioni di italiani perdite patrimoniali, povertà e sofferenze morali”. Un gesto simbolico che molti concittadini potrebbero decidere di seguire, il passaparola corre veloce.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Equitalia istiga al suicidio". Un miranese presenta un esposto

VeneziaToday è in caricamento