menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il luogo dell'incidente

Il luogo dell'incidente

Incidente di Eraclea, la procura dispone gli esami del sangue sulla vittima

I carabinieri attendono gli esiti degli esami, che potrebbero aiutare a ricostruire tutte le fasi della tragedia

La procura di Venezia ha disposto gli esami del sangue sulla vittima dell'incidente avvenuto all'alba di giovedì a Eraclea, il 35enne Denis Dorigo. I prelievi sono già stati effettuati, ma servirà attendere qualche giorno prima di conoscerne gli esiti. L'obiettivo è capire se l'uomo, che era uscito illeso dopo uno schianto contro un albero e che era morto successivamente, investito dall'uomo che lo aveva soccorso, quella sera avesse bevuto. 

La dinamica

Dorigo, secondo la prima ricostruzione dei militari di Eraclea, aveva perso il controllo della sua Fiat Punto bianca mentre percorreva via Fausta poco prima delle 5 del mattino. Il veicolo aveva invaso la corsia opposta ed era finito contro un platano, ma il 35enne se l'era cavata senza conseguenze. Scendendo dalla macchina, era stato soccorso da un operatore ecologico che aveva chiamato i soccorsi. Dalla testimonianza fornita da quest'ultimo agli investigatori, sembra che Dorigo non avesse gradito il fatto che il soccorritore avesse chiamato carabinieri e ambulanza, non essendosi fatto niente. Perciò, l'operatore ecologico aveva deciso di andarsene e si era rimesso al volante del suo camion per la raccolta rifiuti. Appena partito, per cause ancora al vaglio, senza accorgersene con la parte anteriore sinistra del mezzo pesante aveva agganciato Dorigo, trascinandolo per quasi cento metri e uccidendolo. 

Gli esami del sangue

Nelle ore successive, i carabinieri hanno ricevuto alcune segnalazioni che parlavano di un'auto bianca che girovagava per Eraclea a zig zag, ma sono ancora in corso gli accertamenti per stabilire se si trattasse proprio della macchina del 35enne. Al momento non sono stati trovati riscontri. Così come è ancora da stabilire se sia la sua Fiat Punto che, poco prima dello schianto, aveva tamponato un altro veicolo in un parcheggio poco distante. Episodio, quest'ultimo, denunciato su Facebook da un cittadino che si era ritrovato l'auto danneggiata e che cercava testimoni. Adesso, oltre a questi approfondimenti, i militari attenderanno gli esiti degli esami del sangue il cui risultato potrebbe rivelarsi importante in fase di indagine  per ricostruire l'investimento e stabilire le responsabilità e, soprattutto, nel caso di processo al soccorritore che ha travolto Dorigo, che è stato indagato per omicidio stradale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento