Cronaca

Addio a Ernesto Ortis, ha fatto la storia del commercio a Venezia

Il ricordo di Magliocco (Ascom): «La sua competenza, la sua professionalità e la sua umanità lo fanno fatto conoscere in tutta la città»

«E’ un vuoto incolmabile la perdita di una persona importante che ha fatto la storia del commercio in città, del commercio autentico  quello rivolto ai residenti». Così il presidente dell'scom di Venezia, Roberto Magliocco, commenta la morte di Ernesto Ortis, storico commerciante di Venezia. Un uomo che ha fatto la storia sindacalmente, con la sua attività all’interno del sindacato degli alimentaristi e con la suo prezioso contributo nella nascita di Confcommercio Ascom Venezia. «La sua competenza, la sua professionalità e la sua umanità lo fanno fatto conoscere in tutta la città», aggiunge Magliocco.

Cassiere economo e pilastro dell’Ascom Venezia sin dalla sua nascita, presidente provinciale della Federazione Italiana Dettaglianti Alimentari (Fida) , componente degli organi dell’Unione Provinciale, del Consorzio di Garanzia Fidi Impresa, Ernesto Ortis rappresenta un membro della Venezia più vera e più bella che se ne va.

Ernesto Ortis aveva cominciato a lavorare nella ditta paterna nell’agosto del 1952, che constava di un negozio di alimentari ed una latteria. Nel 1955 da ditta individuale era diventata una impresa famigliare e nel 1965 una società a nome collettivo, unificando i negozi ed aggiungendo una parte dedicata alla gastronomia. Forma che si é mantenuta fino ai giorni nostri, un negozio di vicinato rivolto al cittadino, che offre un servizio di consegna a domicilio quando pochi negozi la effettuano. Ortis è stato tra i fondatori di Unilat, una cooperativa di trasporti, di Colav e Codea, cooperative di acquisto, fondatore di Alve diventata poi Covea e tra i fondatori di Crai.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio a Ernesto Ortis, ha fatto la storia del commercio a Venezia

VeneziaToday è in caricamento