menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Autoerotismo nei parchi davanti ai bambini, due uomini sorpresi dai carabinieri

Doppio episodio nei giorni scorsi a Venezia centro storico, uno al parco Savorgnan e l'altro ai giardini della Biennale. Entrambe le aree verdi sono frequentate da minorenni

Esibizionisti imperversano nei parchi di Venezia: i carabinieri del nucleo natanti, nei giorni scorsi, hanno denunciato due persone per atti osceni in luoghi pubblici frequentati da minori. Il primo episodio risale al pomeriggio del 15 aprile: alcune signore che si trovano con i bimbi nel parco Savorgnan di Cannaregio si accorgono di un uomo che si sta masturbando e chiamano il 112. I militari si portano sul posto e trovano l'esibizionista ancora lì, identificandolo per un albanese, P.L., 46 anni, in Italia senza fissa dimora. Viene accompagnato agli uffici di San Zaccaria e, al termine degli accertamenti di rito, denunciato. A carico dello straniero, tra l'altro, figurava già una precedente denuncia dello scorso febbraio per episodi simili.

Episodio quasi identico lunedì pomeriggio, stavolta segnalato da un militare della Compagnia carabinieri di Feltre fuori servizio in quel momento. L'intervento ai giardini della Biennale a Castello, dove un veneziano residente a Marghera (B.M., 52 anni) si stava masturbando nelle vicinanze di numerosi bambini che giocavano nell'area verde. L'uomo è stato identificato e accompagnato in caserma per gli atti di rito, anche a lui è toccata una denuncia per atti osceni in luoghi frequentati da minori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento