Un cumulo di terra e nessuna targa: l'epilogo per il bombarolo di Vigonovo

Il Comune ha fatto interrare la salma del 63enne di origine slava, Igor Milic, che un mese fa aveva fatto saltare in aria la palazzina in cui viveva, allora si era evitata la strage per miracolo

Nessuna croce, nessuna targa commemorativa (o almeno identificativa), nessun fiore, nessuna lacrima. Solo un cumulo di terra in un lembo nascosto del cimitero di Vigonovo. È così che si è conclusa la parabola di vita del sedicente ingegnere 63enne di origine slovena, Igor Milic, salito alla ribalta dei mezzi di informazione per aver fatto saltare in aria, poco più di un mese fa (lunedì 2 aprile, giorno di mercato), il suo e altri 5 condomini in via 4 novembre a Vigonovo, distruggendo alcuni garage e il tetto della palazzina, composta in tutto da 18 appartamenti.

Di quel folle gesto rimane ora, oltre al forte disagio delle famiglie coinvolte, una sepoltura anonima, fatta di sera, all’insaputa di chiunque. Non merita cordoglio l’animo di una persona che ha messo a rischio la vita di molte persone, con un piano diabolico e premeditato, per una sciocca vendetta verso i vicini, coi quali aveva continui screzi. Nemmeno se alla base vi è la drammatica vicenda di un suicidio: Milic è stato infatti ritrovato con una corda sintetica attorno al collo. Una strage evitata solo per puro miracolo, grazie anche al coraggio e all'intuito di un vigile del fuoco fuori servizio che è riuscito a staccare il quadro della corrente elettrica e a fare allontanare la gente da sotto il palazzo, giusto qualche attimo prima che il tetto scoppiasse.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’uomo veniva dalla Slovenia, ma da circa 30 anni risiedeva in Italia. Ora si attende che qualcuno venga a reclamare la salma coperta, da una decina di giorni, da quella misera bara, pagata forzatamente dal Comune assieme alle spese per il trasporto del feretro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È stato inaugurato il bicipark di piazzale Roma

  • Rapina una 15enne, la minaccia con delle forbici e la molesta sessualmente: denunciato

  • Gli aggiornamenti sul coronavirus in Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, nuovi positivi in provincia di Venezia. Ricoveri stabili a 8

  • Sradicate tre colonne di un distributore di benzina

  • La nuova ordinanza regionale conferma le misure anti-Covid attuali fino al 15 ottobre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento