Ladri fuggono lasciando l'esplosivo nel bancomat delle Poste: artificieri sul posto

Una pattuglia del commissariato di Chioggia nella notte tra venerdì e sabato si è imbattuta nella porta principale aperta dell'ufficio postale di Sant'Anna. I banditi sono fuggiti

L'intervento delle forze dell'ordine si è rivelato fondamentale per indurre i malviventi alla fuga. Cosa sia successo con precisione lo stabiliranno le indagini del commissariato locale, fatto sta che nella notte tra venerdì e sabato una pattuglia della polizia, in servizio di perlustrazione del territorio a Chioggia, all'improvviso si è imbattuta nella porta principale dell'ufficio postale di Sant'Anna aperta. Certo non un evento usuale.

Cavi in rame ed esplosivo

Approfondendo i controlli, e controllando l'area, ha notato prima dei cavi in rame poi una carica di esplosivo che fuoriusciva dallo sportello bancomat dell'edificio. Palese cos'era appena accaduto: alcuni banditi avevano raggiunto le Poste per far esplodere il bancomat e impadronirsi dei contanti custoditi all'interno. Il piano, però, non è andato a buon fine.

Indagini in corso

La mattina seguente sono quindi intervenuti gli artificieri della questura di Venezia, che hanno disinnescato l'ordigno. Sopralluogo anche della scientifica, per individuare eventuali indizi o tracce in grado di mettere sulla strada giusta gli investigatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Visite ad amici o parenti in casa: le regole per il Veneto da sabato

  • Visite in casa a parenti e amici: le regole per il Veneto a partire da domani

  • Come cambia da domani il Veneto: regole, restrizioni e cosa si può fare

  • Chiude la Coop alla Nave de Vero. Al suo posto potrebbe arrivare Primark

  • Col nuovo Dpcm, dal 16 gennaio il Veneto rimarrà (quasi sicuramente) in area arancione

  • Dpcm, quando serve l'autocertificazione in Veneto: il modello ufficiale da scaricare

Torna su
VeneziaToday è in caricamento