rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023
Cronaca Mestre Centro

Nuove espulsioni, controlli continui in via Piave. Spaccate e furti: ora preoccupa Marghera

Le ultime operazioni delle forze dell'ordine nel quartiere "caldo" e i fatti di piazzale Giovannacci

Pattuglie, controlli continui e nuove espulsioni nel quartiere Piave. Le ultime solo poche ore fa, quando tre nordafricani in possesso di droga sono stati intercettati con un lavoro interforze di Baschi verdi, Questura e Polizia locale, e sono stati accompagnati a Gradisca d'Isonzo per l'espulsione, dopo che in tre settimane più di dieci stranieri senza documenti, trasferiti al Centro per il rimpatrio, sono tornati ai loro Paesi d'origine in collaborazione con l'ufficio immigrazione. 

Verifiche e ispezioni hanno riguardato quasi ogni giorno anche le attività e i locali del quartiere. In questo caso, in ordine di tempo, gli ultimi sequestri hanno riguardato la merce tipo bigiotteria, cancelleria e oggetti vari di due negozi a gestione bengalese in cui migliaia di pezzi sono stati tolti dalla vendita dal secondo Nucleo operativo metropolitano della Finanza, per mancanza delle informazioni prescritte dal codice del consumo.

La sicurezza a quasi un mese dall'inizio delle massicce operazioni di controllo con arresti, espulsioni e sospensioni di attività, sembra migliorare, mentre a preoccupare ora è Marghera, per le spaccate continue degli ultimi giorni. L'ultima giovedì notte verso le 2, quando ladri armati del coperchio del tombino sradicato hanno preso a colpi il vetro della porta del Salone Roberta, in piazzale Giovannacci, aprendosi un foro per raggiungere la cassa. All'interno hanno trovato 5 euro, perciò se ne sono andati via a mani vuote, seminando danni e paura.

Nello stesso piazzale, notte tra martedì e mercoledì la vetrina del Salone Arianna di piazzale Giovannacci è stata distrutta a colpi di tombino, da chi nonostante lo spessore del materiale è riuscito a sfondare e impossessarsi del barattolo delle mance: una cinquantina di euro. Paura anche due giorni fa quando un nordafricano verso l'ora di pranzo è entrato armato di siringa nella farmacia Alla Salute: individuato quasi subito dalle Volanti della polizia di Stato, grazie alle telecamere, è stato fermato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuove espulsioni, controlli continui in via Piave. Spaccate e furti: ora preoccupa Marghera

VeneziaToday è in caricamento