rotate-mobile
Cronaca Santa Maria di Sala

Estorsione ai danni di un imprenditore di Santa Maria di Sala, due arresti

Nel fine settimana è stato arrestato Gennaro Zin, imprenditore 37enne di Massanzago. Aveva assoldato un operaio 32enne per "riscuotere" 40mila euro. La vittima si è rivolta ai carabinieri

Prima era dalla parte dell'estorsore contro la vittima di turno, poi il salto della barricata e l'offerta a un imprenditore di Santa Maria di Sala di togliere di torno chi con le minacce voleva i suoi soldi.

Una storia figlia del potere dei soldi. Gennaro Zin, imprenditore 37enne di Massanzago, è stato arrestato nel fine settimana dai carabinieri con l'accusa di concorso in estorsione. L'uomo, titolare di una ditta di scavi, avrebbe assoldato Eduard Luka, operaio 32enne di Piombino Dese, per "riscuotere" i 40mila euro che, a suo dire, un imprenditore di Santa Maria di Sala gli doveva per dei lavori eseguiti nel suo capannone. La storia era sfociata a gennaio in un contenzioso civile, ma ora i soldi Gennaro Zin li voleva tutti e subito.

Il 32enne, di origine albanese e soprannominato Giorgio, era conosciuto per i suoi modi "bruschi". E' stato arrestato il 24 febbraio scorso dagli uomini dell'Arma mentre cercava di farsi consegnare mille euro dal malcapitato.


Perché l'imprenditore di Santa Maria di Sala aveva iniziato a pagare, dietro minacce di fare del male a lui e alla sua famiglia. Migliaia di euro a rata. Così Eduard Luka, vedendo che i soldi c'erano, per prendere qualche soldo in più si era offerto di "spaccare le gambe a Zin". Un classico "cambio di casacca". Di fronte al rifiuto dell'estorto, dopo qualche giorno ha chiesto a quest'ultimo 4mila euro. L'imprenditore, esasperato, non ci ha visto più ed è andato dritto ai carabinieri per raccontare la sua storia. Chiudendo il cerchio di ricatti incrociati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Estorsione ai danni di un imprenditore di Santa Maria di Sala, due arresti

VeneziaToday è in caricamento