Terremoto sui dipendenti Mantovani dopo la cassa integrazione: "Piano da 170 esuberi"

Tavolo "amaro" lunedì mattina nella sede della società di costruzioni. Tra un mese scadono gli ammortizzatori sociali. I sindacati fanno muro: "Chiediamo un tavolo al ministero a Roma"

Un cantiere del Mose che vede impegnata la Mantovani

La cassa integrazione straordinaria scade tra un mese, ma le difficoltà in seno alla Mantovani spa, impresa di costruzioni padovana con grossi cantieri tra Venezia e Marghera (in primis fa parte delle società all'interno del Consorzio Venezia Nuova impegnate nella  costruzione del Mose), non si sono estinte. Anzi. Con la fine degli ammortizzatori sociali la dirigenza lunedì mattina ha attivato la  procedura di mobilità per 170 suoi dipendenti, stante l'impossibilità di garantire il reimpiego di tutto il personale oltre il 25 ottobre. 

Non si può parlare di un fulmine a ciel sereno, visto che la Cigs era scattata a fine ottobre dell'anno scorso per 358 dipendenti. I sindacati, naturalmente, dopo la comunicazione di lunedì mattina si  sono opposti all'ipotesi di esuberi. L'incontro si è tenuto proprio nella sede amministrativa della società, in via Belgio a Padova. Presenti al tavolo l'amministratore delegato della società, Maurizio Boschiero, e l'Ance di Venezia, con Luca De Lazzari. Dall'altra parte della barricata i rappresentanti della Filca Cisl, Alberto Franzo, della Feneal Uil, Adriano Brinis, e della Fillea Cgil, Francesco Andrisani. Le Rsu avevano all'incontro Massimo De Grandis, Mario Ferraro, Lidio Berhan, Loretta Moretto, Enzo Crosara e Natalino Franzoso. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I rappresentanti dei lavoratori hanno respinto il piano presentato dalla società, passando la palla anche al ministero del Lavoro. "Una situazione del genere non può essere trattata come una mera questione interna aziendale - ha spiegato Francesco Andrisani, segretario generale Fillea Cgil Venezia - per questo chiederemo un tavolo al ministero". Obiettivo capire se ci sia la possibilità di ricorrere a ulteriori ammortizzatori, prolungandoli. Ritagliandosi ulteriore tempo per assorbire eventtuali esuberi. Un anno fa, a inizio Cigs, la dirigenza sui quotidiani aveva puntato il dito contro il calo delle commesse e anche contro lo scandalo Mose, danno d'immagine non indifferente per il colosso veneto delle costruzioni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia: «Vicenda di Jesolo inconcepibile, certe aggregazioni sono un danno sanitario»

  • Noale in lutto, è morto a 29 anni il consigliere comunale Damiano Caravello

  • Noto albergatore di Jesolo muore in un incidente stradale

  • Rapina una 15enne, la minaccia con delle forbici e la molesta sessualmente: denunciato

  • 17enne insegue i rapinatori e li fa arrestare

  • Coronavirus, nuovi positivi in provincia di Venezia. Ricoveri stabili a 8

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento