menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Etichette non regolari, scatta il maxi sequestro di 18mila capi d'abbigliamento

Gli abiti arrivavano dal Bangladesh ed erano destinati ad un'azienda del Veneziano. Le diciture erano soltanto in lingua asiatica, sanzioni nei confronti dell'importatore

Oltre 18mila capi di abbigliamento importati illegalmente per irregolarità sulle etichette: il materiale, proveniente dal Bangladesh e destinato a un’azienda con sede nella provincia di Venezia, è stato sequestrato dal personale dell’Agenzia delle Dogane di Venezia. Il provvedimento è stato applicato a capi che riportavano in etichetta solo indicazioni in una lingua asiatica.

Nei confronti dell’importatore è prevista una sanzione pecuniaria da 516 a 25.823 euro, oltre che l’obbligo di regolarizzare l’etichettatura della merce per poter eventualmente rimetterla in commercio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento