menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Evade 291mila euro di tasse, ma lo Stato gliene deve 304mila: assolto

Il presidente di una cooperativa di Santa Maria di Sala è finito davanti al giudice monocratico, che ha fatto archiviare il procedimento

Nel 2008 evase 291mila euro di Iva, e per questo il presidente 57enne di una cooperativa locale di lavoro e servizi in vari settori della manutenzione è finito davanti al giudice monocratico di Mestre. Però, come riporta la Nuova Venezia, l'imprenditore è stato completamente assolto: in realtà era infatti lo stato italiano a dovere 13mila euro alla società.

DEBITI E CREDITI – Come ha dimostrato l'avvocato del presidente, infatti, era vero che, sei anni fa, la cooperativa con sede in via Roma, a Santa Maria di Sala, non aveva versato un singolo centesimo di tasse, ma lo stesso Stato doveva ben 304mila euro alla società del Veneziano. Tutto era iniziato da una segnalazione dell'Agenzia delle Entrate, che ha poi segnalato le irregolarità fiscali alla Procura della Repubblica. Quindi il caso è finito in tribunale. Lo stesso legale dell'accusa, però, una volta ascoltato il caso in aula non ha potuto fare a meno di chiedere l'assoluzione dell'imputato. Il giudice non ci ha messo molto a decidere, ma tutto il procedimento legale si sarebbe potuto risparmiare se si fossero fatti due conti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento