menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Guardia di finanza

Guardia di finanza

Dichiarano sei euro nel 2010 e ne evadono 65 milioni

Marito e moglie per il 2010 avevano dichiarato uno e cinque euro di redditi, trascurando di dichiarare quanto incassato per la vendita di 180 ettari di terreno: 65 milioni di euro, la transazione immobiliare di maggior rilievo realizzata in provincia di Venezia nell'ultimo quinquennio.

Marito e moglie per il 2010 avevano dichiarato uno e cinque euro di redditi, trascurando di dichiarare quanto incassato per la vendita di 180 ettari di terreno: 65 milioni di euro, la transazione immobiliare di maggior rilievo realizzata in provincia di Venezia nell'ultimo quinquennio. Un'area sul litorale di Eraclea equivalente a oltre 200 campi da calcio, di cui l'uomo era proprietario.

Gli accertamenti delle fiamme gialle hanno permesso di scoprire che dietro due società lussemburghesi, che gestivano un cospicuo patrimonio immobiliare, vi era in realtà il 68enne italiano, da sempre evasore totale e che, per il 2009 e 2010, aveva dichiarato redditi rispettivamente per appena 4 e 5 euro, mentre la moglie, per il 2010, aveva dichiarato un solo euro di reddito.


Secondo la ricostruzione dei finanzieri, a carico dei coniugi sono stati invece constatati redditi omessi per circa 26 milioni di euro e corrispondenti imposte per oltre 11 milioni, calcolati in via presuntiva sugli investimenti di somme detenute all'estero che variavano tra i 140 e i 200 milioni.

Attendere un istante: stiamo caricando il sondaggio...

Porto Marghera, crisi stabilimento Eni

I lavoratori dello stabilimento Eni di Porto Marghera sono finiti in cassa integrazione, c'è una soluzione?



Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento