menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Noale: ferrari, ville venete e lusso. Ma dal 2006 evasore non dichiara nulla

Un noto ex titolare di una grossa azienda d'abbigliamento andata in fallimento del Miranese, è stato arrestato per un giro di fatturazioni false che coinvolge una trentina di imprese

Faceva una vita da nababbo, al volante di Ferrari F40 cabrio, in hotel di lusso, ma dal 2006 si era 'dimenticato' di fare la denuncia dei redditi e dichiarare fatture emesse per 8 milioni di euro: per questo un uomo di 44 anni, di Noale è stato arrestato.

Oltre che in Ferrari, l'uomo viaggiava in BMW X6, Porsche Cayenne, viveva in dimore da favola all'interno di ville venete o golf club, portava abiti e scarpe griffate, faceva spesso viaggi in Messico e soggiornava in hotel di lusso o prestigiosi centri termali, trascorreva serate in locali di tendenza del veneziano o del padovano unitamente ad accompagnatrici piacenti e ai più prestigiosi champagne e vini.

L'EVASORE DI NOALE: "TANTO NON MI INCASTRERETE MAI"

A tradirlo il suo andirivieni nel miranese con un'autovettura supersportiva targata Repubblica di San Marino che ha solleticato la curiosità dei finanzieri.

Le fiamme gialle hanno così appurato che quello che appariva un benestante, era in realtà un accanito evasore totale e che era stato al centro di indagini per aver emesso da un decennio false fatturazioni rivolte a compiacenti e insospettabili imprenditori veneti interessati a diminuire i redditi e a versare minori imposte, utilizzando a tal fine anche altre quattro imprese intestate ad altrettanti prestanome.

Gli accertamenti dei finanzieri, coordinati dal pm veneziano Stefano Ancilotto, hanno permesso di superare anche l'ostacolo derivante dall'occultamento delle fatture emesse e delle scritture contabili di tutte le imprese gestite da tale soggetto. Sono stati esaminati oltre una novantina di conti correnti per un volume di transazioni di circa 40 milioni di euro, scoprendo un vasto e radicato sistema illecito evasivo e di frode fiscale operati dall'uomo.

L'uomo è molto noto nel miranese per essere stato nel passato titolare di una grossa azienda che si occupava della produzione di capi di abbigliamento ora fallita. Almeno una trentina le imprese coinvolte nella maxi evasione con altrettante persone, tra amministratori e titolari di partita Iva, coinvolte nell'inchiesta a vario titolo per i reati di dichiarazione fraudolenta mediante l'utilizzo di fatture relative a operazioni inesistenti.

Dall'indagini è emerso l'emissione per 40 milioni di euro di fatture false dal 2002 al 2011, di cui 9,6 milioni di euro già acquisite all'indagine attraverso i controlli incrociati effettuati presso i rispettivi clienti. E ancora 1,6 milioni di euro di Iva evasa, 2 milioni di euro di elementi positivi di reddito non dichiarati quale provento della frode fiscale.

Sarebbe stata distrutta tutta la documentazione contabile di 6 aziende riconducibili all'imprenditore. La guardia di finanza ha proposto il sequestro per l'equivalente di quote di immobili e di disponibilità bancarie possedute per garantire l'effettivo recupero del credito dovuto all'Erario e allo Stato. (ANSA)

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lo show "4 Hotel" dello chef Bruno Barbieri parte da Venezia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento