Addio a Fabio Buzzi: ha scritto la storia della motonautica

Scomparso a 76 anni nell'incidente a Venezia mentre cercava di battere l'ennesimo record, il lecchese ha segnato un'epoca come pilota, progettista e imprenditore

Foto da Fb Design

Fabio Buzzi, scomparso tragicamente martedì sera in un incidente nautico avvenuto alla bocca di porto del Lido di Venezia, è considerato tra i nomi più influenti della motonautica italiana e internazionale.

Nato il 28 gennaio 1943 a Lecco da una famiglia di costruttori, Buzzi iniziò giovanissimo la propria carriera di pilota. Nel 1970 la laurea in ingegneria a Torino, nel 1971 la fondazione di un'azienda, Fb Design, che esporterà il proprio marchio in tutto il mondo nella costruzione di scafi agonistici e per il settore militare. Il primo scafo da corsa realizzato è del 1974. Buzzi lega soprattutto i suoi studi alla ricerca sulle fibre di carbonio e al loro impiego. Quattro anni più tardi conquista il record mondiale della classe S.4 raggiungendo i 176,767 chilometri orari.

Una lunga carriera di vittorie

La sua carriera di pilota dura quasi sessant'anni ed è ricchissima di successi: nove titoli mondiali nelle varie classi dell'Offshore e del Superboat, con nove record mondiali di velocità stabiliti. Tra i più importanti, il primato di velocità sulla Miami-Nassau-Miami, quindi quello sulla Montecarlo-Londra e sul giro della Gran Bretagna. Più recentemente, il record di velocità tra New York e Bermuda (2012) e quello tra Montecarlo e Venezia, del 2016. Proprio cercando di battere questo primato, a un passo dal traguardo, martdì sera si è consumata la tragedia. Non mancano i primati stabiliti sul Lago di Como, come quello di 277 km/h con un motoscafo diesel del marzo 2018. Straordinario anche il palmares a livello di progettista: 52 campionati del mondo offshore, 22 europei, 27 italiani, 40 record di velocità e 7 Harmsworth Trophy.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ricordo di Assonautica

«Un gravissimo lutto colpisce lo sport italiano e la motonautica intera - ha commentato Alfredo Malcarne, presidente di Assonautica - Tre uomini esperti, appassionati di mare e di velocità ci lasciano in un atto che resta parte dello sport pur nel suo tragico epilogo. Alle famiglie, ai team, al presidente Fim Vincenzo Iaconianni e al presidente Uim Raffaele Chiulli giungano le più sentite condoglianze da parte di Assonautica Italiana».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento