Improvvisa falla allo scafo di una motonave, 70 turisti a terra

L'incidente verso le 12 di lunedì all'altezza dell'isola di San Servolo. Nessun pericolo per le persone a bordo, sono state fatte salire su un altro natante

I turisti sono stati fatti scendere a San Servolo

Fuori programma in laguna lunedì mattina, durante un'escursione di una settantina di turisti a bordo di una motonave della Raffaello Navigazione. Verso mezzogiorno, infatti, il natante ha iniziato a imbarcare acqua non lontano dall'isola di San Servolo, a causa di un possibile urto con qualche corpo galleggiante: potrebbe trattarsi di un pezzo di bricola o di qualche palina sotto il pelo dell'acqua.

Immediata la segnalazione ai mezzi di soccorso, anche se la falla non avrebbe pregiudicato la stabilità del natante. Sarebbe stata infatti interessata una parte stagna dello scafo. In ogni caso l'imbarcazione è stata "scortata" fino all'isola degli Armeni per permettere al nutrito gruppo di passeggeri di toccare terra. Sul posto per garantire la sicurezza dei presenti anche i vigili del fuoco, che si sono occupati di far scendere i turisti e di garantire la navigabilità del natante. Sull'isola poi è stato organizzato il trasferimento dei passeggeri a bordo di un'altra motonave per garantire il servizio. Nell'imbarcazione danneggiata è stato calato un tubo collegato alla pompa dei vigili del fuoco per l'aspirazione dell'acqua, dopodiché è stata scortata fino al cantiere di Marghera per la riparazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ordigno a Marghera. Evacuazione di 3mila persone, niente treni e aerei: Venezia sarà isolata

  • Grosso giro di prostituzione in due locali: prestazioni fino a 1500 euro a notte, 5 persone in arresto

  • Bollo auto, tutte le novità del 2020 dagli sconti alle nuove modalità di pagamento

  • Ladri in fuga sui tetti, braccati con l'elicottero e catturati

  • Schianto contro un muretto in cemento, perde la vita

  • Una donna si è data fuoco davanti al tribunale dei minori di Mestre

Torna su
VeneziaToday è in caricamento