menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Irregolare da anni, la faceva franca fornendo false generalità: in manette

L'uomo, un 35enne tunisino, è stato fermato a Pasquetta dai carabinieri di Spinea. Dopo i controlli di rito, è stato condotto in carcere, dove sconterà un anno di detenzione

Dopo essere stato arrestato la prima volta, aveva sempre fornito false generalità alle forze dell'ordine per nascondere il proprio status di irregolare sul territorio nazionale. Nel pomeriggio di Pasquetta, i carabinieri di Spinea hanno stretto le manette ai polsi a C.M., 35enne di nazionalità tunisina, ricercato per "false attestazioni di generalità personali plurime".

Il contro dei carabinieri

L'uomo è stato fermato alla guida della propria auto mentre faceva spola tra il centro di Mira e Oriago. Un movimento che i militari hanno giudicato sospetto, ragion per cui hanno deciso di effettuare un controllo di rito. All'interno dell'abitacolo, due volti noti: C.M., per l'appunto, e un suo connazionale, affidato in prova ai servizi sociali come misura alternativa al carcere. Entrambi i passeggeri, privi di documenti di identità, sono stati condotti in caserma per effettuare gli accertamenti di rito.

L'arresto

È a quel punto che i militari sono riusciti a risalire al giochino di C.M.: dopo essere stato arrestato per spaccio di stupefacenti a Vigonovo nel 2013, era riuscito a rimanere in Italia nonostante fosse irregolare, fornendo sempre false generalità. Per lui si sono aperte le porte del carcere, dove dovrà scontare un anno di detenzione. Il connazionale, invece, è stato segnalato all'autorità giudiziaria: tra le prescrizioni della misura al quale era sottoposto, infatti, figurava anche quella di non entrare in contatto con persone pregiudicate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
  • Attualità

    L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento