menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La truffa corre veloce sul web: da un raggiro a Murano scoperti 98 "pacchi" in tutta Italia

Una giovane isolana aveva denunciato ad aprile 2017 il mancato recapito di una macchina fotografica. Attraverso utenze telefoniche e telecamere denunciati in concorso 4 catanesi

Le indagini sono scattate a Murano, nel momento in cui una giovane ha denunciato una presunta truffa nei suoi confronti: aveva inviato i soldi per acquistare una macchina fotografica dal valore di qualche centinaio di euro, ma il prodotto alla fine non è mai giunto in laguna. I contanti, invece, sono stati intascati. Per questo motivo la ragazza muranese ha raggiunto la stazione dell'Arma sull'isola nell'aprile 2017 e ha raccontato tutto. 

Le indagini

Dai dati di conto e dai messaggi che si era scambiata con l'inserzionista sono partite le indagini, che hanno permesso a distanza di pochi mesi di ricostruire 98 raggiri via web (fino a febbraio di quest'anno) e di denunciare per truffa aggravata e continuata in concorso quattro cittadini residenti nella provincia di Catania: M.S., 44enne, M.M., 23enne, R.S., 30enne, e L.G., 42enne. Non si tratta di incensurati: tutti avevano precedenti per episodi simili. Pubblicavano online svariati annunci di vendita di prodotti commerciali, puntando soprattutto su quelli tecnologici e sugli elettrodomestici, ma una volta ricevuta la caparra o il pagamento in toto della merce, sparivano nel nulla. 

Il comando di compagnia a San Zaccaria carabinieri venezia ok-6

Accertamenti su conti correnti e utenze

Gli accertamenti dell'Arma si sono concentrati sui conti correnti indicati dagli inserzionisti e sulle utenze telefoniche utilizzate: grazie alle telecamere di sorveglianza di alcuni sportelli bancomat, dove sono stati incassati i proventi delle truffe, sono stati identificati i quattro. "L’attività investigativa ha coinvolto più di 50 comandi dei carabinieri in tutta Italia - si dichiara in una nota - il danno alle vittime ammonta a circa 30mila euro".

Non il primo caso del genere

Non la prima volta che cittadini muranesi denunciano raggiri di questo genere: pochi mesi fa erano stati denunciati due truffatori calabresi che, tramite un noto portale, avevano messo in vendita oggetti per cellulari e motori per barche, oltre a elettrodomestici e ciclomotori. Tutto mai recapitato. Pochi giorni prima, invece, era stato smascherato un truffatore seriale napoletano che aveva puntato su abbigliamento e pelletteria per ingolosire i possibili acquirenti da ingannare. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Attualità

Marea di borse in plastica invade la scala Contarini del Bovolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento