Espulso dall'Italia, torna nel Belpaese e chiede asilo politico: è stato arrestato

Un 29enne nigeriano è finito in manette venerdì scorso per aver fornito false generalità alle forze dell'ordine. L'ufficio immigrazione e la polizia scintifica hanno scoperto chi era

Era già stato espulso, ma ci ha provato comunque, chiedendo asilo politico. Sperando di non incappare nei controlli delle forze dell'ordine. Per un cittadino di 29 anni di nazionalità nigeriana il "piano" è saltato nel momento in cui la sua situazione è stata presa in esame dall'ufficio immigrazione della questura. Al termine degli accertamenti il 29enne la scorsa settimana è stato infatti individuato e arrestato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo stesso era stato già espulso, in modo coatto, lo scorso anno con provvedimento del prefetto di Parma. Evidentemente, però, era riuscito di nuovo a concludere il viaggio inverso, con destinazione l'Italia. Deve rispondere del fatto di aver fornito false generalitàà all'autorità di pubblica sicurezza. Il provvedimento d’arresto è stato convalidato venerdì scorso dall’Autorità Giudiziaria veneziana. Il processo, che si è svolto con rito direttissimo, si è concluso con la condanna del giovane africano con la pena di 7 mesi di reclusione. E' stata disposta nei suoi confronti una seconda espulsione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dati aggiornati sul contagio in Veneto e in provincia

  • Aggiornamenti serali su contagi e ricoveri in provincia di Venezia e in Veneto

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti del 24 marzo sera

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • Quasi 6000 positivi al coronavirus in Veneto, altri morti in provincia

  • Quasi 900 positivi in provincia, altri 2 morti all'ospedale di Dolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento