menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Improvvisa fuga di monossido in casa a Marghera: intera famiglia finisce all'ospedale

L'intervento del 118 e dei pompieri mercoledì pomeriggio in un'abitazione di via Canestrini. Coinvolti tre minorenni, la madre e altri 2 adulti. Una donna in condizioni un po' più gravi

Per fortuna i soccorsi sono arrivati in tempo, ma ciò non ha evitato loro di finire al pronto soccorso o in camera iperbarica. Preoccupazione nel primo pomeriggio di mercoledì in un'abitazione di via Canestrini a Marghera, una laterale di via Calvi. Per cause ancora al vaglio (sul posto i vigili del fuoco hanno effettuato un lungo sopralluogo) si è verificata una fuga di monossido di carbonio con ogni probabilità da correlare a un malfunzionamento del sistema di riscaldamento: l'intero nucleo famigliare che si trovava nell'appartamento ha avuto bisogno delle cure dei sanitari del 118. Si tratta di 3 minorenni rispettivamente di 11, 12 e 13 anni, della loro madre di 33 anni, del suo compagno e della nonna, di 55 anni. A lanciare l'allarme sarebbe stato il nonno con un altro nipote, sopraggiunti perché i parenti non rispondevano al telefono.

Le loro condizioni

Una delle due donne coinvolte verserebbe in condizioni più gravi e per questo motivo alle 17 si trovava ancora in osservazione al pronto soccorso dell'Angelo. Gli altri protagonisti della vicenda sono stati invece trasportati al centro iperbarico di Marghera, dove sono stati sottoposti ad alcuni cicli di ossigenoterapia. Le loro condizioni non desterebbero preoccupazione.

Pochi giorni fa la tragedia di Abdul

Si tratta del secondo caso di intossicazione da monossido di carbonio in pochi giorni, complice il freddo che continua a caratterizzare gli ultimi scampoli dell'inverno: nella notte tra sabato e domenica un 27enne bengalese, Abdul Rahim, ha perso la vita a causa delle esalazioni di un braciere di fortuna acceso assieme a un coinquilino per scaldarsi nel suo appartamento in quel momento privo di riscaldamento. In quel caso, purtroppo, i soccorsi in via Nervesa si rivelarono purtroppo inutili.   
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento