Senza casa, coppia con figlio disabile vive in un vaporetto abbandonato a Malcontenta

L'imbarcazione è ormeggiata sul Naviglio del Brenta nel territorio di Mira. La famiglia si trova in una difficile situazione economica, intanto si è messa in lista per un'abitazione

Pochi soldi, niente casa e quindi ci si adatta. È il caso di una coppia originaria di Venezia, Germano e Paola, poco più che cinquantenni. Si sono sistemati in un battello in disuso ormeggiato sull'argine del Naviglio del Brenta, nella parte di Malcontenta che rientra nel territorio di Mira. Ormai ci abitano da più di 3 anni, ma adesso la situazione comincia a stare ancora più stretta perché il figlio, invalido al 100%, è appena rientrato dall'istituto in cui era ricoverato: "Con 600 euro della mia compagna non si può vivere - dichiara Germano - sono 4 anni che stiamo qui. Sono arrivato al punto di dire basta. O resto o muoio. Devo ringraziare chi ci dà una mano".

IL COMUNE VALUTA L'ASSEGNAZIONE DI UN ALLOGGIO

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La coppia lancia un appello e chiede una vera casa, un posto in cui poter vivere in modo più dignitoso. I due si sono iscritti in lista per ottenere un alloggio pubblico nel Comune di Mira, ma l'attesa potrebbe essere lunga. E l'unico stipendio della famiglia - Paola lavora come collaboratrice scolastica - non è sufficiente: anche perché, tra cessione del quinto e trattenute per un pignoramento, resta ben poco. Un'altra entrata deriva dall'invalidità del figlio, circa 400 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella barca mancano i servizi di base. La coppia va a rifornirsi di acqua con delle taniche da qualche residente della zona, oppure dalla fontana (quando non è ghiacciata). Per scaldarsi c'è una stufa a legna, mentre gli elettrodomestici sono alimentati tramite un generatore diesel. Un po' di aiuto arriva dai volontari. Alle volte Germano e Paola contraggono dei debiti con i negozianti, ma cercano sempre di restituire il dovuto. Restano gli acciacchi per il freddo, e poi ora che è tornato il figlio non si può continuare così. Sul web intanto è stata attivata una colletta organizzata da Ciotole Piene Pance Felici, associazione Parco Villa Tivan, gruppo cinofilo Guardia Costiera Ausiliaria Veneto: colletta online

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Tamponamento e incendio in autostrada A4: tratto chiuso e code

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento