menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nella posta una bolletta del gas da 50mila euro: "Errore nel calcolo dei consumi"

È successo ad un'anziana 85enne di Venezia. Il figlio della donna, pensionato, si era rivolto subito ad Adico per richiedere supporto. Si è trattato di un errore del gestore della rete

Quando ad aprile scorso aveva “intercettato” la bolletta inviata alla madre 85enne era rimasto senza parole. Quella fattura conteneva un importo da capogiro: circa 50mila euro di consumi di gas da pagare entro maggio. Ma com’è possibile? Si era chiesto G.P., pensionato veneziano, che aveva tenuto nascosta la bolletta per evitare malori alla madre, sempre puntuale in tutti i pagamenti.  

Ora, dopo l’intervento dell’Adico a cui l’uomo si è rivolto subito, la situazione è stata totalmente risolta: la cifra richiesta è stata già stornata di circa 27mila euro da una fattura emessa a fine giugno e verrà cancellata del tutto con altre fatture successive. "Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto - commenta Carlo Garofolini, presidente dell’Adico - il gestore, grazie agli ottimi canali che ci siamo creati con chi nell’azienda si occupa dei rapporti coi consumatori, ha contattato il socio il giorno dopo il nostro intervento e ha ammesso che c’erano della anomalie evidenti in quella fattura. Ora ha confermato gli errori di calcolo e sta cancellando in più tranche, per motivi contabili, la bolletta. È un ottimo risultato anche perché raggiunto in tempi molto rapidi".

L’importo richiesto ha come periodo di riferimento marzo 2017. Ma poi contiene calcoli del 2013 e del 2014 con consumi incomprensibili. "Tramite il nostro ufficio legale - continua Garofolini - abbiamo sottolineato l’assurdità della bolletta. I consumi di gas contestati non avevano senso per una anziana che vive in una casa di cento metri quadri a Venezia. Il gestore ha sbagliato i calcoli dei consumi e ha emesso quella fattura esagerata. Questa vicenda - conclude Garofolini - per quanto paradossale è un messaggio a tutti gli utenti: se si ritiene di aver ricevuto una fattura troppo elevata o comunque scorretta, la cosa migliore è quella di intervenire e di contestarla il prima possibile. La nostra associazione segue tantissimi casi di questo tipo con ottimi risultati".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento