Giro di fatture false tra Venezia e Padova, coinvolto noto deejay

Indagine della guardia di finanza. Una società "cartiera" umbra avrebbe emesso fatture false per 2 milioni, sfruttando la compiacenza di imprese venete che fungevano da "schermo"

Quella che era cominciata come una semplice verifica fiscale ha portato i finanzieri del comando provinciale di Perugia a scoprire una frode milionaria, che avrebbe coinvolto diverse aree del Paese. L’impresa verificata, formalmente operante nel settore edile, era stata costituita per fungere da "cartiera", per l'emissione di fatture false. Le indagini, avviate nel 2018 dalla tenenza di Assisi, hanno portato alla denuncia di 12 persone per i reati di "emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’impresa, in territorio umbro, altro non era se non il primo anello di una catena di attività che ha portato all’evasione di ben 900mila euro di imposte, attraverso l’emissione di fatture per operazioni inesistenti del valore di due milioni di euro. Lo sviluppo delle indagini ha consentito di scoprire alcune imprese delle province di Padova e Venezia che fungevano da "schermo": annotavano le fatture false per poi riemetterne a loro volta altre di importo lievemente maggiorato in favore di altre imprese venete, ostacolandone la connessione con la società cartiera, di fatto priva di uomini e mezzi. Una delle imprese "schermo", in particolare, farebbe capo ad un noto deejay, tra gli ideatori della truffa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento