rotate-mobile
Cronaca Chioggia

Morta in ospedale a Chioggia, l'Ulss: «Le prime risposte dall'autopsia»

L’Ulss 3 sta approfondendo ogni aspetto sulla morte della 37enne Federica Fabbris: «Faremo tutti gli accertamenti che servono per portare chiarezza»

«L’autopsia sta dando, al momento, alcune indicazioni rispetto alla possibile causa di morte, però faremo ulteriori approfondimenti per capire se c’è nesso di causalità tra gli accessi precedenti e l’evento drammatico che la ragazza ha subito». Sono le prim informazioni che trapelano dall'Ulss 3 Serenissima di Venezia sulla scomparsa di Federica Fabbris, la 37enne di Chioggia morta improvvisamente nell'area rossa (emergenze) del pronto soccorso della città clodiense, dove si era recata domenica perché si sentiva poco bene.

Secondo le prime ricostruzioni, sembra che la 37enne si fosse già recata al pronto soccorso nei giorni precedenti a causa di un malessere che non le dava tregua. L'azienda sanitaria, che ribadisce la vicinanza alla famiglia della donna, ha precisato che Federica è morta «mentre i sanitari del pronto soccorso si stavano prendendo cura di lei. Abbiamo fatto tutto quello che in quel momento si poteva fare».

L’Ulss 3 sta approfondendo ogni aspetto di questa vicenda: «Oltre al riscontro diagnostico di ieri mattina - spiegano dall'azienda sanitaria - abbiamo portato il caso a conoscenza della magistratura. Andremo a fare ogni altro eventuale accertamento che serva a portare chiarezza e un po’ di serenità ai familiari che stanno subendo questo enorme dramma. Abbiamo aperto una verifica interna anche riguardo ai due accessi che la ragazza ha compiuto nei giorni precedenti» per capire se anche in quei momenti «le cure sono state adeguate e approfondite».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morta in ospedale a Chioggia, l'Ulss: «Le prime risposte dall'autopsia»

VeneziaToday è in caricamento