menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ferie? No grazie. I medici veneziani partono, ma per fare volontariato

L'associazione "Rafiki, medici per l'Africa" è nata nel 2007. Una trentina di professionisti questa estate in Sicilia per assistere i profughi

Potrebbero godersi le ferie senza pensare minimamente al lavoro, ma evidentemente la passione e lo spirito di solidarietà sono più forti di tutto. Potrebbero partire per le località mondane e godersi tranquillamente il sole sotto l’ombrellone, invece voleranno in Sicilia per dare assistenza ai profughi in arrivo in Italia. Come riporta Il Gazzettino, sono una trentina e aderiscono a “Rafiki, pediatri per l’Africa”. Andavano anche in Burundi e in Kenya, prima che la Farnesina stoppasse quelle missioni umanitarie per motivi di sicurezza. 

L’associazione è nata nel 2007 per volere di un gruppo di pediatri veneziani e ha appena concluso un accordo con Ragusa per garantire la propria presenza a Pozzallo, la località dove arrivano i barconi provenienti dall’Africa. Il servizio sarà garantito da luglio ad ottobre, i medici mestrini e veneziani si turneranno e utilizzeranno le proprie ferie per fare i volontari. 

Il Gazzettino snocciola anche i nomi di questi lodevoli volontari: la presidente è Maria Pellosio, poi ci sono i colleghi Adriano Bucci, Sandra Cozzani, Francesca Dambruoso, l’infermiera professionale Mulki Farah, Silvia Girotto, Lorenzo Meneghetti, Carlo Neiderth, Andrea Passarella, Enrico Ravagnan, Maria Cala Ricci e Rossella Semenzato. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento