menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ferie estive, Adico: "Due famiglie veneziane su tre in vacanza ma con budget ridotti"

Spiega l'associazione consumatori che assiste gli iscritti allo sportello 'vacanza informata': "In pochi vi rinunciano. La maggior parte sta via qualche giorno. Segnalati disservizi e problemi"

La crisi insiste, le spese aumentano ma la maggior parte dei veneziani non rinuncia a star via qualche giorno, durante le ferie estive, secondo quanto afferma Adico di Mestre. Gli iscritti all'associazione consumatori, che si rivolgono per consulenze allo sportello 'vacanza informata', segnalano già disservizi e ritardi con i mezzi prenotati e le strutture ricettive affittate. Ma è generale la crescita di quelli che intendono partire, con destinazione principalmente l'Italia, anche se per periodi sempre più brevi. Il 64% degli intervistati veneziani (201 risposte al questionario di Adico) dice che non starà via più di una settimana.

Seguendo il campione preso in esame, due famiglie veneziane su tre sono partite o partiranno, con una crescita del 4% sull’anno passato. Ogni nucleo (genitori e due figli) spenderà per sette giorni di ferie una cifra compresa fra i 1.300 e 1.600 euro, in linea con l’anno scorso. Anche nel 2017 le prenotazioni on line (o l’organizzazione last minute) spopolano. Solo il 18% ha prenotato tramite agenzia di viaggi e di queste oltre il 70% va all’estero.

Puglia, Sicilia, Sardegna e litorale veneziano, le mete prescelte. All’estero piacciono: Spagna, Croazia, Grecia, con Indonesia e Thailandia fra le prime indicate da chi intende stare via più di una settimana. Il 57% del campione ha scelto il mare, il 21% montagna, l’11% una città d’arte, l’8% la crociera (preferita in stagioni diverse), il 3% altre destinazioni. Il 37% delle famiglie dormirà in albergo, il 18% ha prenotato una pensione, il 14% se ne andrà in appartamento, un 9% in agriturismo, il 12% in b&b.  

“La consueta indagine estiva conferma il trend registrato per il ponte del 2 giugno – spiega Carlo Garofolini, presidente dell’Adico -. La maggior parte della famiglie veneziane si muoverà, per la stragrande maggioranza nel periodo di luglio e agosto. Un segnale positivo che non cancella le grandi difficoltà delle famiglie ma che rappresenta sicuramente un messaggio di maggiore fiducia”.

"In caso di disguidi - conclude Garofolini - si ricorda di documentare il più possibile, anche a livello fotografico, ciò che è accaduto. Tramite il nostro ufficio legale sarà poi possibile richiedere il risarcimento o il relativo rimborso. I tempi per contestare la vacanza sono però ristretti meglio dunque agire appena tornati".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento