menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Polizia di Stato

Polizia di Stato

Ferito si rifugia negli uffici di una ditta e perde sangue ovunque. La polizia lo salva

È successo sabato mattina presto a Mestre. Si tratta di un 27enne cittadino italiano che doveva essere in carcere

Doveva essere in carcere: cerca di rifugiarsi negli uffici di una ditta a Mestre, si ferisce gravemente e perde sangue ovunque. La polizia di Stato lo trova e lo salva.

È accaduto sabato mattina presto: le volanti, allertate da alcuni residenti dello stabile, giunte in via Cà Marcello a Mestre hanno trovato grosse tracce di sangue sulla tromba delle scale della palazzina adiacente l'immobile dell'Aci. Gli agenti hanno visto che si concentravano soprattutto tra il secondo e il terzo piano e che la porta blindata degli uffici della ditta Estilos presentava evidenti segni di forzatura vicino alla serratura, chiara conseguenza di un tentativo di intrusione. Danneggiato anche il vetro della balaustra laterale nei piani superiori. 

Anche la sede dell’Aci di Venezia e del Pra (Pubblico registro automobilistico), era stata danneggiata a una finestra del primo piano, accessibile attraverso un ponteggio edile il cui vetro era stato sfondato fino ad ottenere un grosso foro idoneo al passaggio di una persona. All’interno della struttura poi altre tracce di sangue all'ingresso di un bagno per disabili, la cui porta era stata chiusa a chiave.

Da sotto la porta una grossa quantità di acqua mista a sangue usciva scorrendo sul pavimento: gli agenti a quel punto l'hanno sfondata trovando dentro un giovane italiano di 27 anni privo di conoscenza a causa delle ferite riportate. Trasferito all'ospedale gli sono state riscontrate ferite da taglio sulla gamba e sul piede, profonde da lasciar scorgere i tendini, escoriazioni su tutto il corpo e una contusione al torace. Il 27enne è stato ricoverato in rianimazione all’Angelo di Mestre. I poliziotti hanno accertato la sua identità, dopo aver constatato che aveva cercato di introdursi in vari uffici oltre a quelli della Estilos, è hanno verificato che a suo carico pende un ordine di carcerazione emesso dal tribunale di Bolzano. Arrestato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Attualità

Marea di borse in plastica invade la scala Contarini del Bovolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento