menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Pellestrina non è un cimitero", rivolta contro l'imbarcadero

I residenti puntano il dito contro la denominazione dell'unica fermata dell'isola: "Cimitero" scritto in grande e il nome del luogo in piccolo

Ma quale cimitero. Per i residenti di Pellestrina (e molti altri veneziani) quell'isola è un paradiso. All'imbarcadero, però, non sembra. Almeno secondo chi ha portato avanti una crociata per invertire l'ordine dei fattori. In matematica, infatti, il risultato non cambia. Ma in questo caso sì. "Evidenziare cimitero non è bello per un'isola come la nostra e una brutta cartolina per chi arriva da fuori".

La "pietra dello scandalo" sta tutta nel fatto che la scritta "cimitero" sovrasta in termini di grandezza quella di "Pellestrina", con l'esito che chi arriva, "foresto" o meno, potrebbe essere indotto a identificare l'isola con un camposanto. "A Venezia a San Zaccaria non si evidenzia "Danieli" come invece si fa a questa fermata". Quindi l'accusa dei residennti: "Pellestrina non è un cimitero, e Actv si sta prendendo gioco di noi oppure ci fa deridere. In questo caso si parla dell'unica fermata del vaporetto a Pellestrina, e ci troviamo questa denominazione".  

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ufficiali i nuovi colori: il Veneto resta arancione

  • Mestre

    "Il Mummia" torna a Mestre e finisce in carcere

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento