rotate-mobile
Cronaca Castello / Riva degli Schiavoni

La Lega torna sulle rive di Venezia: "Ora niente ampolle, siamo concreti"

E' il segretario della Liga Veneta e sindaco di Verona Flavio Tosi a descrivere le linee guida della Festa dei Popoli Padani del 7 ottobre prossimo in laguna: "Venite tutti, i media ci conteranno"

La festa dei popoli padani, organizzata dalla Lega Nord, si terrà domenica 7 ottobre, in riva degli Schiavoni, a Venezia. Lo scenario non cambierà rispetto a quello delle edizioni precedenti. Il palco sarà eretto, come sempre, sull'acqua. A fare la differenza, come ha annunciato il segretario nazionale della Liga Veneta, Flavio Tosi, saranno i contenuti. "Discuteremo su come implementare le conclusioni degli Stati generali del Nord, che si tengono nei prossimi giorni a Torino - ha anticipato - Via, dunque, la tradizionale simbologia, perché noi vogliamo essere molto concreti". Stop quindi ad ampolle delle acque del Po e del Piave versate in Laguna.

Il sindaco di Verona, "braccio destro" veneto del neosegretario del Carroccio Roberto Maroni, esclude che la convocazione degli Stati generali del partito il 28 e 29 settembre a Torino siano in antitesi con la Festa dei Popoli Padani in laguna. "Qui in Veneto non abbiamo invitato a non andare a Torino, ma a esserci numerosi a Venezia - conclude - perché i media ci conteranno e dal numero dei presenti ricaveranno se il movimento è in ripresa oppure no".

Gran parte degli sforzi, quindi, sono profusi nella direzione di agevolare l'afflusso di simpatizzanti leghisti a Venezia: quelli di Varese, per esempio, non dovranno sborsare neppure un euro. Tutto verrà pagato dal partito. "I soldi ora li utilizziamo per far conoscere il nostro progetto politico ai cittadini", commenta il segretario di circoscrizione varesotto Stefano Cavallin.

 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Lega torna sulle rive di Venezia: "Ora niente ampolle, siamo concreti"

VeneziaToday è in caricamento