Finto militare armato di tutto punto a San Marco: bloccato dai "veri" colleghi in mimetica

L'intervento di carabinieri e Lagunari in piazza sabato pomeriggio. Un 25enne veneziano di ritorno da un allenamento di "cross combat" aveva 4 coltelli, taser, bastone e manette

Gira per piazza San Marco vestito in tutto e per tutto da militare finché i militari "veri" non lo fermano e lo denunciano. Soprattutto per il fatto che il "fake" in mimetica era in possesso anche di 4 coltelli di varie dimensioni, di un paio di manette, un bastone in metallo di tipo telescopico e di un taser. Insomma, era armato di tutto punto nel salotto buono della città. A finire nei guai sabato pomeriggio è stato un 25enne veneziano finito nel mirino di una pattuglia dei carabinieri della stazione di San Marco impegnati in un servizio di controllo del territorio con due militari del reggimento Lagunari. In lontananza si sono accorti del possibile militare, ma avvicinandosi hanno subito capito che quel giovane non era un collega. 

Finto militare armato di tutto punto

Il giovane, C.M., al momento del controllo indossava una tuta mimetica e un basco simili a quelli della divisa dell'Esercito, ma non aveva addosso alcun fregio distintivo. Al termine degli accertamenti in caserma è stato denunciato per porto abusivo di armi e oggetti atti a offendere. Il 25enne si è giustificato spiegando 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di ritorno da una lezione di "cross combat" 

Il ragazzo si è giustificando spiegando di essere andato ad allenarsi in una palestra nel Padovano dove si pratica il "cross combat", una nuova specialità simile al cross fit. Si tratta di una disciplina, negli ultimi anni è particolarmente in voga, che riprende in linea di principio quelle che sono tecniche di addestramento in ambito militare e che tuttavia, rispetto al cross fit, prevede anche l’aggiunta di tecniche derivate dalle arti marziali. Giustificazioni che comunque non si sono rivelate sufficienti a evitargli una denuncia e il sequestro dell’attrezzatura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Pericoloso inseguimento in laguna, giovane sperona la volante: 25enne arrestato

  • Trova il padre senza vita in casa

  • Scomparso da tre giorni, trovato nel canale senza vita

Torna su
VeneziaToday è in caricamento