Fiom: «Dipendenti controllati dalle guardie giurate. Illegale». Fincantieri replica

Per la società, «la sospensione di un lavoratore fu causata dal violento alterco sfociato in minacce all'agente». Il sindacato: «Clima aziendale deteriorato. Società irrispettosa della legge»

Fincantieri Marghera, archivio

«Guardie giurate utilizzate illegalmente per controllare e contestare i lavoratori». Sarebbero ormai diverse, secondo Fiom, le lettere di contestazione giunte ai lavoratori di Fincantieri a causa di «segnalazioni operate dalle guardie addette alla tutela del patrimonio aziendale». Per i metalmeccanici veneziani «la normativa stabilisce chiaramente che il potere gerarchico, di controllo e disciplinare cui i dipendenti dell’azienda sono sottoposti va esercitato direttamente e non può essere appaltato a società terze». Roberto D’Andrea, coordinatore nazionale Fincantieri per la Fiom-Cgil e Michele Valentini, segretario Fiom-Cgil Venezia tornano su una contestazione disciplinare che ha portato a un provvedimento nei confronti di un dipendente dello stabilimento di Marghera, a novembre scorso, che ha portato a un giorno di sospensione, secondo quanto riferito, «a seguito a quanto dichiarato da una guardia giurata».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La replica

«Fincantieri ha sanzionato un dipendente per il violento alterco sfociato in minaccia nei confronti di una guardia», scrive la società. «Contrariamente a quanto traspare dalla nota della Fiom, non è avvenuto in un reparto produttivo, ma in banchina, in un’area dedicata al transito veicolare. La guardia non ha fatto altro che interdire il passaggio al fine esclusivo di garantire la sicurezza e l’incolumità dei lavoratori. Un'esigenza - scrive Fincantieri - posta all’attenzione della direzione aziendale anche dai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (rls) dello stabilimento. D’accordo con gli stessi, era stata condivisa la volontà di interdire l’area anche mediante l’utilizzo di una guardia giurata a supporto di altro personale impiegato». «Eventuali mancanze da imputare ai lavoratori vanno segnalate da personale diretto di Fincantieri - ribadisce Fiom - . Vigilanza e controllo del perimetro aziendale sono una cosa diversa dal controllo dei lavoratori. Lo Statuto dei Lavoratori disciplina chiaramente questa materia e i limiti all’utilizzo delle guardie giurate armate. Se anche le rls avessero chiesto di usare le guardie - conclude Fiom - Fincantieri avrebbe dovuto sottolineare l'illegalità della cosa. Le leggi valgono per tutti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

  • Tamponamento e incendio in autostrada A4: tratto chiuso e code

  • Coronavirus, i numeri di oggi in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento