Anni di trattative e tavoli: i 6500 dipendenti Ulss3 hanno un contratto decentrato

Sottoscritto mercoledì da tutte le organizzazioni sindacali e dalle Rsu, disciplina istituti quali relazioni industriali, orario, sciopero, produttività, straordinario, part-time

Il direttore generale, Giuseppe Dal Ben, con il tavolo trattante

Anni di tavoli, confronti e trattative hanno portato, mercoledì, alla firma del contratto decentrato aziendale dell’Ulss 3 Serenissima: sottoscritto tra la direzione aziendale e le organizzazioni sindacali e Rsu.

'Un traguardo'

Si tratta di una tappa storica per l’azienda sanitaria veneziana che è nata l’1 gennaio 2017 dalla fusione per incorporazione nell’allora Ulss 12, delle aziende: Ulss 13 di Mirano-Dolo, e Ulss 14 di Chioggia. Con il contratto vengono disciplinati i più importanti istituti giuridici e economici necessari per una gestione unitaria dei quasi 6500 dipendenti del comparto, che da ora potranno dirsi dipendenti dell’azienda Ulss 3 Serenissima, e non più “ex” di altre aziende.

Istituti regolati

Le parti sono pervenute alla sottoscrizione dopo un anno di incontri e tavoli di trattativa, ad esito dei quali sono stati di volta in volta siglati 14 tra accordi e pre-intese, poi confluiti organicamente nel contratto decentrato. Il risultato è un testo organico che disciplina, tra l’altro, il sistema delle relazioni sindacali, l’orario di lavoro, i contingenti minimi di sciopero, la produttività, il lavoro straordinario, il part-time, le progressioni orizzontali, gli spostamenti volontari interni.

Il contratto è stato sottoscritto da tutte le organizzazioni sindacali e dalle Rsu, dopo un serrato e cadenzato confronto con l’azienda, che ha consentito di esaminare nel dettaglio ogni aspetto critico dei diversi istituti trattati e trovare, per ciascuno, il necessario punto d’incontro, a salvaguardia dell’organizzazione e a tutela dei lavoratori, nel comune intento di perseguire l’interesse pubblico di un servizio sanitario all’altezza delle aspettative del cittadino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Passaggio storico

“La firma del primo contratto aziendale dell’Ulss unica veneziana – evidenzia il direttore generale, Giuseppe Dal Ben – costituisce un passaggio di grande significato, direi un passaggio storico. Tenacemente abbiamo voluto il dialogo con il sindacato, e tenacemente lo abbiamo tenuto sempre aperto, e oggi poniamo un altro, fondamentale mattone nell’edificazione dell’azienda Ulss 3 Serenissima. Si tratta di un mattone particolarmente importante, una pietra angolare, perché il nuovo contratto riguarda i lavoratori, che sono il vero patrimonio dell’azienda. Ringrazio il sindacato, che pur ovviamente partendo da posizioni diverse, non ha mai perso di vista il più alto obiettivo comune e si è sempre posto al tavolo in termini costruttivi. E in un momento di grandi cambiamenti e di comprensibili criticità organizzative, non è cosa di poco conto”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ragazzo di 25 anni si è sparato e ucciso in una palestra di Marghera

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • "Duri i banchi": origine e significato di questo modo di dire tutto veneziano

  • Il Mose evita l'acqua alta a Venezia. Venerdì previsti altri 130 centimetri

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Nicolò, «atleta e professionista in campo e nella vita». Il ricordo degli amici

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento