Flash mob a Venezia contro i maltrattamenti degli animali: la protesta

Protesta in tutta Italia in ricordo degli oltre 40 cani uccisi a Sciacca in Sicilia, avvelenati a causa di un potente insetticida

La protesta

Manifestazioni in tutta Italia in ricordo degli oltre 40 cani uccisi a Sciacca in Sicilia, avvelenati a causa di un potente insetticida. 

Le stime

Gli organizzatori precisano: "La data del 16 febbraio deve simbolicamente rappresentare tutta la nostra indignazione e dolore sollecitando indagini accurate e giustizia ma soprattutto la volontà di contrastare, risolvere e prevenire la piaga del randagismo, che causa ovunque sofferenza e morte. Le ultime stime del Ministero della Salute indicano in circa 600mila i cani e in più di 2mila 500i gatti randagi nel territorio nazionale. Con un forte richiamo alle istituzioni competenti ad intervenire urgentemente con provvedimenti concreti e fattivi, come peraltro anche la normativa in materia impone (in particolare la legge 291/1991 generalmente  inapplicata, con l'indispensabile collaborazione delle associazioni competenti".

A Venezia


A Venezia domenica pomeriggio il flash mob si è concretizzato con l'esposizione di un grande striscione sul Ponte degli Scalzi con la scritta (in positivo): "cura e rispetto per gli animali" e con il logo unitario (candela e lutto) assieme ad un altro momento collettivo, con vari cartelli e manifesti, sul piazzale della Stazione. La manifestazione si è poi trasferita a Treviso. Siamo naturalmente ben consapevoli che non sono solo i randagi (a cui questa iniziativa è dedicata) ad essere vittime della crudeltà-indifferenza-profitto-inerzia-ecc. umana. Gli animali vengono sottoposti a sofferenza e morte anche nei circhi, negli zoo e delfinari, nei laboratori di vivisezione, nella caccia e pesca, negli allevamenti e nei mattatoi e altro, purtroppo, contro cui combattiamo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sensibilizzazione


Gli organizzatori continuano: "Siamo anche ben consapevoli delle violenze, dei genocidi e delle stragi che quotidianamente colpiscono persone innocenti, bambini/e compresi/e (vedi in particolare la Siria in questi giorni). Tragiche, complesse situazioni difficili da risolvere, verso cui il nostro apporto di solidarietà e sensibilizzazione risulta ben limitato. Mentre non sarebbe difficile arginare e porre fine al problema del randagismo - dato dagli abbandoni e dalle mancate sterilizzazioni - anche se si deve lottare contro ignoranza, insensibilità, crudeltà ma anche contro interessi consolidati a volte nascosti o mascherati, veri e propri business, legati anche ai tanti canili-lager. Ma queste continue morti e questa continua sofferenza la impongono a noi e soprattutto alle istituzioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • "Duri i banchi": origine e significato di questo modo di dire tutto veneziano

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • Tamponamento e incendio in autostrada A4: tratto chiuso e code

  • Coronavirus, i numeri di oggi in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento