Forte San Felice, accordo alle fasi finali: arriverà il bando per il gestore unico del compendio

L'intesa tra ministeri e amministrazione locale al fine di valorizzare il luogo, promuovendone la conoscenza e assicurandone le migliori condizioni di utilizzazione e fruizione pubblica

Procede la proficua collaborazione tra Ministero della Difesa, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Agenzia del Demanio e comune di Chioggia al fine di valorizzare Forte San Felice, promuovendone la conoscenza e assicurandone le migliori condizioni di utilizzazione e fruizione pubblica.

L'accordo

A seguito del Protocollo d'Intesa del 18 gennaio 2018, siglato dai suddetti enti, sono seguiti vari tavoli tecnici, tra i cui compiti vi è anche quello di individuare le soluzioni ed i percorsi amministrativi adeguati al raggiungimento dei percorsi strategici condivisi. L'ultimo tavolo tecnico si è svolto la scorsa settimana presso la sede del Provveditorato Interregionale delle Opere Pubbliche per il Veneto a Venezia. «L'accordo di valorizzazione è alle fasi finali – spiega il vicesindaco e assessore all'ambiente Marco Veronese – secondo il cronoprogramma, la firma congiunta tra Ministero della Difesa, MIT, MIBAC, Agenzia del Demanio e Comune di Chioggia dovrebbe avvenire entro l'estate. L'accordo prevede che le due diverse aliquote del compendio (quella ad uso della Difesa ovvero gli alloggi militari, il trinceramento ovest, la casermetta francese, l'alloggio del custode; più quella destinata ad uso pubblico e consegnata al MIT per i lavori di consolidamento e messa in sicurezza) siano affidate ad un unico concessionario, che dovrà essere individuato per il tramite di Difesa Servizi Spa: seguirà infatti un bando pubblico per individuare un gestore unico del compendio, garantendone la sostenibilità economica e la pubblica fruizione di gran parte di Forte San Felice. Da segnalare che i rilievi topografici, seguiti allo sfalcio del verde presente in abbondanza soprattutto nella parte dietro all'alloggio del custode, hanno individuato edifici o porzioni di edifici presumibilmente risalenti alla Seconda Guerra mondiale e riservati a deposito di munizioni».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I prossimi passi

Nelle prossime settimane si concretizzerà la valorizzazione dell'aliquota del Forte San Felice in uso alla Difesa, mediante la formalizzazione, da parte degli uffici comunali, della variante urbanistica, che dovrà poi essere approvata dal Consiglio Comunale e successivamente dalla Commissione per la Salvaguardia di Venezia: questi passaggi sanciranno l'ampliamento a turistico/ricettivo e commerciale delle attuali destinazioni d'uso previste dal PRG (Piano Regolatore Generale) comunale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Assembramenti fuori dai locali, gente senza mascherina: così torniamo indietro»

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Maneggio in fiamme: feriti padre e figlia, morti quattro cavalli

  • Pericoloso inseguimento in laguna, giovane sperona la volante: 25enne arrestato

  • Trova il padre senza vita in casa

Torna su
VeneziaToday è in caricamento