rotate-mobile
Cronaca Lido / Riviera Santa Maria Elisabetta

"La Sacra Inquisizione lobotomizza", imbrattati i muri della chiesa del Lido

Un 45enne con problemi psichici lunedì mattina è stato sorpreso "in flagrante", pennarelli indelebili in mano. A segnalarlo il proprietario di un esercizio pubblico "raggiunto" dalle scritte dell'uomo

"Terzo mistero di Fatima: una pianta porterà la pace e avrà il mio nome". Questa una delle frasi scritte sulla facciata laterale della chiesa di Santa Maria Elisabetta al Lido da un 45enne sorpreso lunedì mattina "in flagrante". Con i pennarelli indelebili in mano. L'uomo, con problemi psichici, è stato denunciato per deturpamento e imbrattamento di cose altrui dai carabinieri, chiamati dopo che il 45enne aveva iniziato a scrivere queste frasi anche sui muri di un esercizio pubblico poco distante dall'edificio sacro.

Il 45enne, che abita al Lido con i genitori, ieri mattina avrebbe avuto una specie di "ricaduta". Come spesso sarebbe accaduto in passato, nel corso di queste crisi avrebbe messo spesso nel mirino la parrocchia, tantevvero che un'altra frase scritta sul muro della chiesa è stata "La Santa inquisizione spagnola lobotomizza". Qualche tempo fa, durante una messa, era intervenuto urlando frasi molto "pesanti" a prete e fedeli.


I militari dell'Arma hanno chiesto l'aiuto del servizio di igiene mentale del Comune, che ha fornito alcune cure all'uomo, già seguito prima dei fatti di lunedì. Il paziente di conseguenza si sarebbe calmato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La Sacra Inquisizione lobotomizza", imbrattati i muri della chiesa del Lido

VeneziaToday è in caricamento