Cronaca

Omicidio Musile, i fratelli della vittima: "L'aveva già minacciata, ma ci aveva tranquillizzati"

Si sono mossi nel primo pomeriggio di domenica da Torre del Greco, dopo aver saputo della sua morte, i fratelli di Maria Archetta. Laconico post della figlia su facebook: "Ti amo"

Già in passato era stata minacciata col coltello. Come riporta la Nuova, a rivelarlo sono stati le sorelle ed il fratello di Maria Archetta Mennella, la donna uccisa domenica mattina nella sua abitazione di Musile di Piave dall'ex marito con non meno di 3 coltellate. I due erano separati consensualmente ma negli ultimi giorni lui si trovava ospite da lei, in un periodo in cui i due figli della coppia si trovavano invece lontano. I fratelli della vittima sapevano delle tensioni sempre crescenti tra i due ex coniugi, era stata la stessa Maria a rivelarglielo. Ma nonostante l'episodio allarmante, la situazione di emergenza sembrava rientrata.

ASCIONE LEGGE GLI SMS DELLA EX, POI LA UCCIDE

Non appena saputo della morte della sorella, i fratelli hanno cercato di mantenere la calma, e si sono diretti subito a Musile, circa 6 ore di auto da Torre del Greco, paese originario di Maria, dove si trovano anche i due figli di 9 e 15 anni, dai nonni per trascorrere le vacanze estive. Incredulità, mista a rabbia e tristezza quella provata dai fratelli. "Ancora non ci crediamo - hanno spiegato - pensavamo che la situazione tra i due si fosse tranquillizzata". Invece l'epilogo è stato tragico: "L'ha uccisa senza pietà, si vergogni di quello che ha fatto. Merita la galera".

"Ti amo. Ci incontreremo ancora" è stato invece il messaggio della figlia di Maria Archetta, lasciato in un post sul proprio profilo facebook. Una vecchia foto scattata al mare in compagnia della madre, ed una frase semplice e diretta. Quanto basta a testimoniare la la tristezza di una ragazzina che ha perso troppo presto la madre.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Musile, i fratelli della vittima: "L'aveva già minacciata, ma ci aveva tranquillizzati"

VeneziaToday è in caricamento