menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gli amici ricordano Alberto: "Sei nei nostri cuori". Funerali martedì a Prozzolo

Il cordoglio di compagni e familiari del 15enne deceduto in seguito a un incidente in moto nella frazione di Camponogara. "Ci sembra impossibile, non siamo pronti a questo"

Tanti messaggi di cordoglio, tante manifestazioni di affetto da chi lo conosceva bene e anche da chi magari soltanto lo incrociava, scambiandosi un saluto. I compagni e gli amici di Alberto Bettin gli rendono omaggio mentre in paese, a Prozzolo di Camponogara, la gente ancora stenta a rendersi conto di quanto accaduto. I commenti si susseguono: "Non ci crediamo, non siamo pronti a qualcosa del genere"; e una dedica su tutte: "Rimarrai sempre nei nostri cuori".

La tragedia, che ha colpito una vita così giovane (Alberto avrebbe compiuto 16 anni a settembre), lascerà un segno profondo da queste parti. Il funerale è fissato per martedì 18 aprile, alle 15, nella chiesa di Prozzolo. Sarà l'occasione per tutti di stringersi ancora una volta intorno ai genitori, sconvolti per la perdita del loro unico figlio. Un ragazzo sorridente, solare, che sapeva far divertire chi gli stava intorno. E dalle tante passioni, due su tutte: le immersioni subacquee e la moto da enduro, quella stessa moto che, per un errore fatale, lo ha portato alla morte.

"L'hai saputo trasformare in una passione, in una cosa che tu amavi fare", scrive uno degli amici ricordando di quando Alberto parlava con entusiasmo della sua due ruote. Un ragazzo pieno di vitalità e che sapeva lasciare il segno. "Non avevo mai incontrato uno come te - scrive un'altra amica - rimarrai sempre nel mio cuore". Mentre altri, sconsolati, commentano: "Ci sembra ancora tutto impossibile".

Perché, nonostante la gravità dello schianto, le speranze che Alberto potesse farcela erano rimaste vive fino all'ultimo. "Lo vedevamo ogni giorno nel tragitto per andare a scuola, a bordo del treno per Mestre, dove frequentava il Pacinotti - raccontano gli amici del paese - Di lui abbiamo i bei ricordi dei tempi delle scuole medie, la gita insieme a Parigi". "Non ci potevamo credere - raccontano ancora i coetanei - Abbiamo saputo dell'incidente ma eravamo convinti che ce l'averebbe fatta, era un ragazzo forte". Purtroppo le cose sono andate diversamente: è deceduto nella notte tra giovedì e venerdì, nonostante tutti i tentativi di salvarlo, per le gravi ferite riportate nella caduta di poche ore prima.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Attualità

    Brugnaro: «Il 24-25 aprile pronti ad aprire tutti i musei»

  • Cronaca

    Msc conferma due navi da crociera a Venezia

  • Cronaca

    Avm, per la commissione di garanzia la disdetta normativa è corretta

  • Cronaca

    Riaperture, Zaia non esclude novità dopo il "tagliando" del Governo del 20 aprile

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento