menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le lacrime di Venezia per Cristian: «Il vostro affetto è la cosa più bella»

Venerdì a San Moisè i funerali del ragazzo trovato morto in canale il 28 novembre. Tanti giovani presenti a ricordare il 26enne, che in città era conosciuto e amato

Cristian Spinu è morto giovane, «quando tutto sembra possibile e realizzabile», come ha ricordato don Roberto Donadoni dall'altare della chiesa di San Moisè. Qualche gradino più in basso è stato posato il feretro, di colore bianco e adornato da una corona di fiori. «La sua vita era fatta di speranza e di sogni, ne aveva tanti. L'ho accolto il 26 giugno del 2016 ed era pieno di progetti e voglia di vivere. È per lui che noi dobbiamo proseguire le nostre esistenze, senza lasciarci vincere dallo smarrimento e dallo sconcerto. Seguendo l'esempio di Cristian, ragazzo generoso, buono, sorridente».

Tragica scomparsa

Venerdì mattina la chiesa ha accolto i parenti e gli amici del ragazzo trovato senza vita il 28 novembre nel canale di Cannaregio, dopo due settimane di ricerche vane. Aveva 26 anni. Tanta commozione nel corso della cerimonia funebre, a partire da quella del parroco, una delle persone più legate a Cristian fin dal momento dell'arrivo del ragazzo a Venezia da Roma, due anni fa. Lo aveva anche aiutato a trovare un impiego. Don Roberto ha ricordato «la scomparsa, le ricerche, gli appelli e poi la notizia del tragico ritrovamento» e ha espresso il grande dolore della città, rivolgendosi alla famiglia e in particolare alla sorella, presente in chiesa.

L'affetto degli amici

Gli sguardi e le lacrime delle persone arrivate a San Moisè, tra cui tanti giovani, emozionano il parroco: «La testimonianza del vostro affetto nei suoi confronti è commovente, ed è più grande di qualsiasi altra cosa - dice, rivolto ai presenti -. Custodite dentro di voi l'amore e la stima per la vita che Cristian ci ha insegnato». I veneziani lo hanno espresso anche concretamente: nei giorni scorsi i bar di campo Santa Margherita hanno attivato una raccolta fondi proprio per contribuire alle spese che la famiglia deve sostenere per riportare il ragazzo in Romania.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento