rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Cronaca Dorsoduro

Palloncini bianchi in cielo per l'ultimo saluto a Cristiano

Amici e familiari uniti nel dolore al funerale del tredicenne veneziano scomparso domenica sera. Centinaia di persone a San Nicolò dei Mendicoli

Nella foto ricordo consegnata ai presenti Cristiano guarda in alto. Gli è stata scattata a luglio, in montagna, mentre era impegnato in una salita in parete nel corso di un campo parrocchiale estivo. «Abbiamo le imbragature per fare la scalata una seconda volta», aveva detto. Pronto a partire di nuovo, a guardare oltre. «Con quelle parole - osserva il parroco don Paolo Bellio, nel corso del funerale per il tredicenne veneziano schiacciato e ucciso da un muletto all'interno di un cantiere - ci ricordi che la vita è una salita ed è importante avere un traguardo». E infatti «questo fatto tragico non deve offuscare i tratti di un ragazzo che era buono e solare, ma soprattutto generoso e curioso. Non spericolato, solo un ragazzo di 13 anni, vivace come è naturale che sia».

Palloncini in aria

La commozione è grande sabato mattina nella chiesa di San Nicolò dei Mendicoli, colma di amici, coetanei, famiglie. Centinaia di persone assiepate all'interno dell'edificio religioso e sulle rive, lungo i canali. Il feretro esce tra gli applausi al termine della cerimonia. È di colore bianco, così come sono bianchi i palloncini che vengono liberati verso il cielo dai ragazzi. Lacrime e abbracci tra la folla. E le parole anonime lasciate da un amico, o da un'amica, lette da don Paolo: «Mi mancherai Cristiano, ogni volta che vengo qui penso a te e piango. Addio, ora sei in un posto migliore». E ancora, ricorda il parroco: «Cristiano era gentile: la gentilezza come la intendeva Platone, una virtù per cui si scommette che gli altri sono buoni».

Folla in chiesa per i funerali di Cristiano Lucchini

L'affetto di amici e familiari

Al microfono anche le testimonianze di alcuni coetanei, che di Cristiano ricordano «la simpatia, il sorriso, la fiducia». «Ci cambiavi la giornata con un semplice sorriso - dice una ragazza in lacrime - Se ci fosse un biglietto per il paradiso lo prenderei adesso. Ciao, mio eroe». La mamma di Cristiano ha affidato ai social il suo saluto al figlio: «Ciao Nanni. Sono riuscita a fare tutto in questo devastante momento e ce l'ho messa tutta perché questa diventi la tua ultima festa. Ho avuto vicino persone che mi hanno aiutata a tenermi su per riuscire a renderti il saluto che meriti perché se mi fossi persa subito non sarei riuscita a farlo e ovviamente volevo farlo io, la tua mamma e dovrà essere, anche se sarà devastante, perfetto perché te lo meriti. Sai che i tuoi amici, attraverso video, immagini, e post ti hanno ricordato in un modo, che ti giuro amore mio, mi ha riempito il cuore d'orgoglio. Eri amato, immensamente amato da tutti».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palloncini bianchi in cielo per l'ultimo saluto a Cristiano

VeneziaToday è in caricamento