menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'ultimo saluto a Paolo, ucciso dalle fiamme divampate nel suo appartamento di Quarto

Tanta commozione e moltissime persone, tra famigliari e amici, presenti ai funerali del 51enne disabile che mercoledì sera ha perso la vita a causa di un devastante incendio

Una folla commossa ha voluto dare l'ultimo saluto a Paolo Bergamo, l'uomo di 51 anni che nella serata di mercoledì scorso è morto per le fiamme che si sono alzate all'interno del suo appartamento di Quarto d'Altino, in pieno centro, a due passi dalla chiesa parrocchiale di paese. Grande partecipazione tra i famigliari e tutte le persone che hanno condiviso con lui momenti più o meno felici.

La memoria di una persona speciale deve essere celebrata nel modo migliore possibile, ecco perché sulla sua bara sono state poggiate due maglie, quella dell'Inter, la sua squadra del cuore, e quella del Sile, nella quale militava quando era solo un ragazzo, prima di quel terribile incidente stradale, a soli 16 anni, che costrinse i medici all'amputazione della gamba. Lo sport che aveva segnato la prima parte della sua vita, quindi, i famigliari hanno voluto fosse presente anche nel giorno dell'addio.

Inevitabile, durante la celebrazione, i riferimenti alle sue sofferenze. Quelle che hanno segnato gli anni dell'età adulta. Il parroco ha voluto infatti sottolineare il triste destino a cui in giovane età aveva dovuto andare incontro Paolo. "Uno dei tribolati segnati dal dolore", come ha specificato il sacerdote. A cui hanno fatto seguito le parole di conforto per i famigliari più stretti, inevitabilmente segnati dalla dipartita del proprio amato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento