menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra: Gianni Busso, Ivan Busso e Gina Smerghetto.

Da sinistra: Gianni Busso, Ivan Busso e Gina Smerghetto.

Famiglia Busso, tre decessi in 18 giorni. Zaia: «Sequenzieremo il virus»

È scomparso prima Ivan di 42 anni, poi la mamma Gina Smerghetto di 65 anni e infine il papà di 72, Gianni Busso. I funerali di entrambi i genitori morti a 4 giorni di distanza saranno martedì

«Ho chiesto la sequenziazione del virus che ha colpito i famigliari e sono già stati inviati all'istituto zooprofilattico perché è giusto fare chiarezza su quello che è accaduto». Il presidente del Veneto Luca Zaia ha commentato così la notizia della scomparsa in 18 giorni di padre, madre e figlio della famiglia Busso di Malcontenta, mancati per le conseguenze del Covid. «Il dottor Rigoli ha detto che ha già spedito i campioni, assieme ai loro tre c'è un altro caso, un uomo di 48 anni e altri due parenti».

Si terranno martedì, 26 gennaio alle 15, nella chiesa di Sant'Ilario di Malcontenta i funerali di Gina Smerghetto, di 65 anni, e Gianni Busso, di 72, mamma e papà di Ivan, 42 anni, morto nei primi giorni dell'anno a Dolo, per le conseguenze del virus. Le esequie di Gina dovevano essere oggi, invece dopo la scomparsa di Gianni sono state spostate e riprogrammate assieme a quello del marito. Il primo ad andarsene è stato Ivan, 42 anni, conosciuto come "il falconiere". Ricoverato l'8 dicembre scorso, dopo la febbre e il tampone positivo, ha ricevuto ossigeno e negli ultimi periodi sembrava potesse farcela. Poi le sue condizioni si sono aggravate ed è deceduto. A finire all'ospedale, 3 giorni dopo, ricoverato all'Angelo di Mestre, suo padre Gianni e una settimana circa più tardi, sempre a Mestre, Gina, la mamma.

La donna è passata dall'ossigenazione alla terapia intensiva, dov'è stata intubata e assistita da un macchinario per il sostegno alle funzioni vitali. Il giorno stesso del funerale del figlio Ivan, il 15 gennaio scorso, è morta. Dopo 4 giorni, nella notte tra lunedì e martedì scorso, Gino Busso, che era anche uscito dalla terapia intensiva e gli erano state tolte le cannette della tracheotomia, si è addormentato perché il suo cuore non ha retto. Due giorni prima aveva fatto una videochiamata alla famiglia e aveva visto la nipote Astrid, figlia di Ivan. La famiglia ha lasciato il figlio più piccolo, Alex, di 33 anni, fratello di Ivan, la moglie di Ivan, Elisa, e la nipote di due anni, oltre agli amici, i parenti, i conoscenti e le tante persone della comunità che avevano voluto loro bene.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Torna in vigore da oggi l'ordinanza anti assembramenti

  • Attualità

    L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

  • Mestre

    Estrae un coltello, subito fermato da un agente e arrestato

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento