Cronaca Marghera / Piazza del Municipio

I resti di un bivacco o atto di vandalismo? Annerita la parete della chiesa di Sant'Antonio

Giovedì mattina il parroco della parrocchia margherina ha chiesto un sopralluogo della polizia. Mattoni anneriti dal fumo sprigionato da un piccolo rogo acceso la notte precedente

Atto vandalico o un fuoco acceso da un senzatetto per passare la notte? L'interrogativo rimane. Padre Roberto Benvenuto, parroco della chiesa di Sant'Antonio di Marghera, giovedì mattina ha voluto vederci chiaro chiedendo l'intervento delle forze dell'ordine. Poco prima delle 9, infatti, aprendo una porta laterale dell'edificio sacro che dà su via Lavelli, il prelato si è accorto di una macchia nera sui mattoni della muratura.

A giudicare dalla sua ampiezza potrebbe essere stata causata da un piccolo rogo acceso nella nottata precedente, magari da un clochard che aveva lo scopo di riscaldarsi. Impossibile escludere però anche l'eventualità di un atto vandalico, sia pure con conseguenze piuttosto contenute. L'accertamento è stato eseguito dall'equipaggio di una volante della polizia, che non avrebbe raccolto ulteriori elementi per capire chi abbia acceso le fiamme.

Non il primo caso di degrado segnalato dai residenti nella zona della chiesa di Sant'Antonio, a più riprese contraddistinta nella zona del suo sagrato e nelle aree circostanti dalla presenza di clochard e sbandati, con problemi inerenti igiene pubblica e comportamenti poco "educati". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I resti di un bivacco o atto di vandalismo? Annerita la parete della chiesa di Sant'Antonio

VeneziaToday è in caricamento