La carica dei 200 studenti in cerca di futuro a Fuoridibanco e Orientagiovani al parco Vega

A Marghera martedì numerosi ragazzi delle scuole superiori hanno potuto "saggiare" università e percorsi formativi. In primo piano Confindustria e Ufficio scolastico provinciale

Oltre duecento studenti delle scuole secondarie di secondo grado della provincia di Venezia hanno partecipato martedì al parco scientifico tecnologico Vega di Marghera a “Orientagiovani 2016”, l’iniziativa di Confindustria Venezia dedicata all’orientamento degli studenti e all’incontro con il mondo delle professioni, e a "FuoridiBanco", il salone sulla formazione organizzato della città metropolitana e dell’Ufficio scolastico provinciale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Orientagiovani ha guidato i ragazzi alla conoscenza delle nuove professioni emergenti e delle competenze richieste dal necessario aggiornamento di quelle già esistenti. Per i giovani un viaggio alla scoperta della cultura tecnica e della ricchezza del mondo delle imprese italiane declinato alla luce delle nuove professioni che l’Europa richiede. Nell'ambito di "FuoridiBanco", invece, i ragazzi si sono aggirati tra i vari stand del padiglione Antares alla ricerca del loro possibile futuro accademico o lavorativo. Presenti, tra gli altri, l'Eures, la marina militare, la polizia di Stato, lo IusVe, il Centro edili, l'Università di Udine, lo Iuav, il Tavolo interservizi tra Comune Ulss 12 e città metropolitana, l'Università di Trieste, l'Istituto universitario per traduttori, l'istituto salesiano di formazione San Marco, l'Ance di Venezia e la protezione civile.
 
I lavori di "Orientagiovani" sono stati introdotti da Igor Piccarini, presidente dei giovani imprenditori di Confindustria, cui è seguito l’intervento di Nicola Fort, presidente sezione terziario di Confindustria Venezia sul tema “Lo scenario che cambia. Nuove tecnologie e nuove professioni legate all'industry 4.0”, mentre Lorenzo Bortolato di Design & Consulting ha affrontato “La realtà aumentata e il lavoro a distanza”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Con questa iniziativa - ha dichiarato Igor Piccarini - abbiamo voluto illustrare ai giovani i percorsi formativi che aprono sbocchi occupazionali in linea con le esigenze delle aziende. Per superare la congiuntura non positiva e porre le fondamenta del prossimo sviluppo economico e della ripresa bisogna ripartire e sostenere la formazione e l’istruzione. Dobbiamo investire nella qualità del capitale umano per elevare la produttività delle nostre imprese e l’attrattività del nostro territorio che è ricco di opportunità. La scuola è decisiva per la crescita economica e sociale del Paese, la palestra dove si formano gli imprenditori del futuro”.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

  • Casa del sesso in centro a Mestre: arrestata una donna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento