menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una vita per Venezia e per la musica: esce "Furiology", primo disco solista di Furio

L'ultima fatica dell'artista "dal 2054 di Santa Marta" arriva dopo 30 anni di successi tra Pitura Freska e gli Ska-J. Cd disponibile nei negozi e in streaming dal 3 giugno

Trent'anni di successi, prima con i mitici Pitura Freska e poi con gli Ska-J. Ora Furio "si mette in proprio" e pubblica "Furiology" (Azzurra Music), il suo primo disco da solista uscito venerdì 3 giugno: dieci brani in cui l’artista veneziano abbandona le sonorità reggae e ska, che lo accompagnano dagli inizi della sua carriera, per sperimentare con funk e pop giocando col dialetto veneziano.

«Ho deciso di fare questo primo album da solista perché era il mio pubblico a chiedermelo - racconta l'artista - Era maturo il tempo per esprimermi con un disco completamente scritto e interpretato da me. Per mia fortuna non avendo contratti da onorare ho potuto lavorare liberamente senza pormi pregiudizi di genere: ne è uscito un disco poliedrico con sapori pop, funk e un po' reggae. La produzione artistica di Gianluca Ballarin ha reso al massimo le mie canzoni. L’album è quasi interamente autobiografico. Scrivere e raccontare in prima persona è quello che mi viene più naturale». Questa la tracklist di Furiology: “Furio Xe Qua”, “Molesto”, “Gay Pride”, “Orietta Berti”, “Carico”, “Cosa Fa L’Amore”, “Stasera Me Fasso Mal”, “No Xe Cusì Inposibile”, “Ciao Papà”, “Fradei”.

Furio, nome d’arte di Marco Forieri, nasce a Venezia il 3 ottobre 1962. Studia il sassofono con Gianantonio De Vincenzo e Marco Castelli. Si interessa alla musica alla fine degli anni ‘70 suonando in vari gruppi, spaziando tra diversi generi musicali, dal jazz-rock al punk allo ska-reggae. Dopo alcune esperienze in gruppi che propongono musica demenziale in lingua veneziana, entra nel gruppo reggae Pitura Freska sostituendo Pietro Tonolo e fondendosi con la tromba di David Boato e il trombone di Toni Costantini. Con l'indimenticata reggae band veneziana è coautore di alcuni tra i loro più famosi brani come “Picinin”, “Crudele”, “Papa Nero” e molti altri.

Tappe essenziali dei Pitura Freska: un disco di platino e tre dischi d’oro, una Targa Tenco nel 1993, Festivalbar con il brano Crudele e Festival di Sanremo con il brano Papa Nero. Dopo lo scioglimento dei Pitura Freska, nel 2002 fonda il gruppo Ska-Jazz Ska-J con il quale inciderà 12 cd in 14 anni. Con gli Ska-J è ospite da Serena Dandini a “Parla Con Me” e da Luca Barbarossa al Rai2 Social Club. Negli ultimi anni suona con la North East Ska Jazz Orchestra ed il gruppo acustico Gli Stellari. Ha collaborato come autore ed editore con Orchestra Casadei, Banda Osiris, Gianluca Ballarin, Skardy, Catarrhal Noise, Rumatera e molti altri. Nel 2016 lancia una fortunata campagna sulla piattaforma di crowdfunding Musicraiser con l’obiettivo di produrre due videoclip a supporto del suo primo disco solista “Furiology”, in uscita per Azzurra Music.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento