menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Goffo e impacciato, tentò due rapine senza fortuna: denunciato un 39enne

L'uomo, di Martellago, avrebbe problemi di alcolismo. Il 22 giugno aveva cercato il colpo alla Buffetti di Scorzè e in un negozio di parrucchiera di Noale

Si era reso protagonista di due rapine in rapida successione, dimostrandosi non certo un "professionista". La collaborazione tra i carabinieri di Scorzè e di Noale ha permesso di individuare e denunciare in stato di libertà S.F., 39enne di Martellago, che nel primo pomeriggio del 22 giugno si era presentato col volto travisato alla Buffetti di via Venezia e poco dopo, qualche chilometro più in là, in un negozio di parrucchiera della Città dei Tempesta. La somma dei due colpi gli aveva fruttato la modesta cifra di 20 euro.

Gli episodi

"Ma sito sémo?", questa la prima reazione del negoziante di Scorzè quando ha visto entrare l'uomo, travisato, nella propria cartoleria. Sin dal principio si era dimostrato impacciato e di certo non scafato, facendo cadere a terra, sulla soglia del locale, l'oggetto uncinato che avrebbe voluto usare per minacciare il commerciante. Che per pronta risposta gli si è avvicinato senza timore, mettendolo in fuga. Diversa invece la sorte per la parrucchiera di Noale, che nel colpo, o tentato tale, ci ha rimesso solo pochi euro.

Le indagini

I militari dell'Arma hanno subito associato i due episodi, occorsi nella stessa giornata a poche ore l'uno dall'altro, entrambi con protagonista non certo un professionista delle rapine. Le ricerche, attuate immediatamente in tutto il territorio, all'epoca non avevano consentito di identificare il rapinatore, sebbene le attività di accertamento sul posto, effettuate dai militari delle due stazioni competenti e dagli specialisti dei rilievi tecnici  del Nucleo operativo e radiomobile di Mestre, avessero permesso di tracciare un quadro di massima dei fatti, con il sospetto che l’autore del reato fosse italiano. Grazie alle testimonianze erano anche riusciti a tracciare un identikit di massima dell'uomo.

La denuncia

La successiva attività di comparazione delle immagini di videosorveglianza e i riconoscimenti fotografici, hanno poi permesso di attribuire l’identikit ad un uomo incensurato, ma attualmente in cura per problemi di alcolismo. Agli uomini in divisa non è restato altro da fare che sintetizzare tutti gli accertamenti e denunciare in stato di libertà il 39enne per rapina aggravata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento