Prima i furti in chiesa, poi in farmacia (nonostante i domiciliari): ladra in arresto

Una 37enne scoperta dai carabinieri di Spinea: approfittava dei permessi per continuare a rubare

Carabinieri di Spinea

Era finita in arresto in aprile dopo essere stata colta sul fatto mentre rubava nella canoninca della chiesa di Santa Bertilla, a Spinea. Anche in seguito all'arresto e alla condanna, però, la ladra, una 37enne di nazionalità slovacca, non ha smesso di dedicarsi ai furti e in questi giorni i carabinieri l'hanno identificata come resposabile di una doppia incursione nella farmacia Volpato di Mirano. Il titolare aveva sporto denuncia alla stazione di Spinea e i militari della stazione locale hanno intuito - e poi accertato - che l'autrice era proprio lei.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Furti a Spinea e Mirano

È stato appurato che la donna, che era stata ristretta ai domiciliari, approffittava delle poche ore di permesso per lasciare l’abitazione e continuare la sua azione criminale. Da notare che lo scorso aprile, quando fu arrestata per il furto in chiesa, la donna si era dimostrata decisamente poco collaborativa, prendendo a calci e spintonando i carabinieri, e per questo era stata giudicata colpevole non solo per il reato di furto ma anche per resistenza a pubblico ufficiale. In seguito al processo, come detto, era stata condannata a una pena da scontare in regime di arresti domiciliari. Ora il giudice, informato degli ultimi sviluppi, ha emesso nei confronti della donna un ordine di carcerazione che è stato eseguito ieri: la 37enne è stata trasferita al penitenziario della Giudecca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Moda e calzature in ginocchio

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento