menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rubano alimenti per disperazione A pagare ora ci pensa il sindaco

Zecchinato, primo cittadino di Vigonovo: "Preferisco pagare il conto di tasca mia o tramite il Comune, piuttosto che i casi sociali siano arrestati"

Un cittadino ruba nei supermercati per bisogno di mangiare? Il sindaco se ne assume le responsabilità, e magari paga pure di tasca propria. Singolare presa di posizione da parte di Damiano Zecchinato, primo cittadino di Vigonovo, che ha già invitato i supermercati della zona a contattare il Comune quando vengono sorprese a rubare delle persone ritenute “casi sociali”. Il pensiero di Zecchinato è limpido, come racconta la Nuova Venezia: “Preferisco pagare il conto ai supermercati di persona oppure attraverso il Comune, piuttosto che un anziano o un’altra persona in difficoltà venga arrestato per furto di cibarie” è il pensiero del sindaco.

Zecchinato ha già avvisato della propria idea il presidente della Conferenza dei Sindaci, il comandante dei Carabinieri e i direttori dei principali negozi del paese. Se una persona viene scovata a rubare alimenti per pochi euro, dunque, potrebbe non scattare più la denuncia e il caso sarebbe affidato ai Servizi Sociali del Comune. Il sindaco fa poi sapere che non intende perdonare chiunque rubi nei negozi, ma solamente evitare di peggiorare una situazione già difficilissima per chi non riesce ad arrivare a fine mese e con il reato di furto in flagranza potrebbe finire in carcere.

Dall’Ascom della Riviera è già arrivato un sostegno a questa presa di posizione, servirà però un coordinamento efficiente con supermercati e forze dell’ordine per far sì che questi propositi divengano realtà.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento