menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furto con l'abbraccio, tre persone in carcere. Denunciata una minore incinta

È successo ieri sera a Villanova di Fossalta di Portogruaro. I carabinieri hanno rintracciato i colpevoli anche grazie alle videocamere di sorveglianza

L'ha avvicinato con fare carino, poi con un pretesto l'ha portato in un luogo isolato e lontano da occhi indiscreti. A quel punto ha messo in atto la più classica delle tecniche dell'abbraccio, o almeno questa era la sua intenzione. La ragazza, infatti, ha stretto a sé forse con troppo impeto la sua vittima, un 70enne di Villanova di Fossalta di Portogruaro, che si è subito accorto che le sue mire erano rivolte alla collanina d'oro che portava al collo. La ladra, una volta scoperta, non è andata per il sottile: ha strappato il gioiello ed è scappata. A quel punto sono scattate la denuncia della vittima ai carabinieri e le indagini, che hanno permesso di rintracciare e arrestare la responsabile e due complici, e denunciare una quarta persona, una ragazza minorenne incinta.

Le indagini

Come ricostruito dai militari del'Arma, la vittima avrebbe cercato, per quanto invano, di divincolarsi dalla morsa della ragazza. Le ricerche sono cominciate subito dopo aver raccolto la testimonianza del settantenne e in particolare le videocamere di sorveglianza hanno permesso agli investigatori di individuare subito l'automobile a bordo della quale era scappata la giovane; oltre a lei, all'interno, c'erano anche altre persone, due uomini e un'altra ragazza, tutti nomadi di nazionalità romena. Da Villanova, la fuga dell'auto è proseguita fino a Bibione, per poi proseguire a Lignano Sabbiadoro (Udine). Proprio nella località balneare friulana, i carabinieri di Portogruaro, con l'aiuto dei colleghi locali e della polizia locale Veneto Est hanno intercettato il gruppetto di complici.

Nonostante i quattro non siano stato trovati in possesso della collanina - con ogni probabilità se ne erano già disfatti - al termine della perquisizione personale, la vittima del furto ha riconosciuto la ragazza che l'aveva rapinato. Per tre dei componenti del gruppo è scattato il fermo di indiziato di delitto, motivo per cui sono stati portati in carcere (due a Trieste e uno a Udine), mentre per la minorenne, in stato di gravidanza, è scattata la denuncia in stato di libertà.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento